lunedì 31 agosto 2009

CRONACHE DI VACANZE - 7

14 agosto 2009
Oggi giornata collettiva, insieme a mio cugino e la sua famiglia. Mulini e seggiovia, polenta e formaggio fuso, salsicce e radler; tutto a portata di bambini, che erano i 3/9 di oggi. Abbiamo così mangiato “con le gambe sotto un tavolo”, come ci aveva predetto il cugino. Una giornata diversa, ma anche molto riposante, per noi, che nei giorni scorsi ci siamo ammazzati di trekking, per sfruttare il sole continuo di questi giorni, sperando che regga fino alla fine: abbiamo ancora programmi in testa!
In serata andiamo a Corvara a vedere il Sassongher, dove andremo domani, illuminato dai bengala durante il concerto della banda Corvara-Colfosco. I fuochi d’artificio seguenti sono bellissimi, con come eco il tipico boato delle montagne. Ogni volta sembra che sia esplosa una bomba. Chissà com’era sentire le vere esplosioni belliche che durante la Grande Guerra hanno dilaniato questi posti. Da panico, di certo!

per vedere tutte le foto clicca qui
TRENTINO 2009

domenica 30 agosto 2009

CRONACHE DI VACANZE - 6

13 agosto 2009
Oggi ferrate Gran Cir e Piccolo Cir, nel Parco Naturale del Puez e davanti al massiccio del Sella. Tutto il giorno al sole, metà della giornata attaccati al cavo metallico e con l’imbragatura addosso. Il Gran Cir è il primo che affrontiamo e si riconferma una scalata facilissima, molto adatta per imparare a destreggiarsi con moschettoni e cavo fisso. Il Piccolo Cir, porco cane, è invece esposto e complicato, ripido e, anche se breve, decisamente impegnativo. Bellissimo, però! Non me lo ricordavo così! Ripercorrendola 20 anni dopo la prima volta, salendo mi domando come facevo, con gambe di bambina di 10 anni, a passare in certi tratti, dove la falcata deve per forza essere ampia e “muscolosa”. Ma sono salita e ridiscesa, quei 20 anni fa, per cui in qualche benedetto modo avrò fatto! Il maritopreferito, neofita in questa ferrata, si è detto alquanto soddisfatto della giornata; la spalla ha retto e anzi, non si è quasi fatta sentire.
Torniamo a casa e ci godiamo a piena bocca due belle radler fatte in casa, con birra e lemon soda comprate al supermercato per un totale di 1,90€ alla faccia dei bar dei rifugi che, la stessa, la rifilano per 5,50 €!!!
Dopo tre giorni di movimento gambe costante, siamo contenti di vedere domani i miei cugini, in vacanza anche loro a pochi chilometri da qui, e approfittare per riposarci e, perché no, far muovere un po’ lo stomaco con qualche piatto tirolese!

per vedere tutte le foto clicca qui
TRENTINO 2009

sabato 29 agosto 2009

CRONACHE DI VACANZE - 5

11 agosto 2009
Ore 22:40

Stiamo giocando a Scala 40. Dopo 20 partite spalmate su quattro sere, la quipresente ne ha vinte la bellezza di due. Il torneo procede decisamente a favore del maritopreferito che, mischiando le carte, poco fa ha detto “…un po’ sono anche bravo!” della serie: se sei una scarpa a giocare a carte mi dispiace, anche se non è colpa tua!” Grazie! Davanti alla mia poco terrorizzante minaccia di giocare fino a quando non ne vinco una, se n’è uscito ancora più umiliante dicendo “…ah, vuoi giocare fino a domani mattina?” Mah, dico!

12 agosto 2009
Ore 07.30

Giornata radiosa, come e meglio di ieri. Oggi faremo una gita prettamente panoramica, tutta davanti alla Regina delle Dolomiti che, se il meteo non ci ingannerà, sarà bellissima! Saremo con la zia e alcuni suoi amici…e mentre aspetto di fare colazione, guardo fuori dalla finestra e vedo questo panorama. Verrebbe da fotografarlo continuamente, ad ogni ora, con ogni cambio di luce e soprattutto adesso, che è baciato frontalmente dal nuovo sole.

Ore 21
La giornata è stata decisamente mozzafiato: 7 ore davanti alla Marmolada inondata costantemente dal sole, non è proprio una cosa che capita tutti i giorni. Panini mangiati alle tavole del rifugio Viel del Pan, su una terrazza DAVANTI alla Regina. Eravamo vicinissimi alle zone di combattimento tra Italia e Impero Asburgico durante la I Guerra Mondiale; alcuni del gruppo, infatti, sono stati sulla ferrata “delle Trincee” cosiddetta. Io l’ho fatta 20 anni or sono e non sapendo come avrebbe risposto la spalla cileccata del maritopreferito nel pezzo iniziale (dove si sale solo con la forza delle braccia) abbiamo rinunciato, per non rovinarci, eventualmente, tutta la vacanza e deciso di dedicarci al pascolo nelle baite!

per vedere tutte le foto cliacca qui!
TRENTINO 2009

mercoledì 26 agosto 2009

CRONACHE DI VACANZE - 4

11 agosto 2009

La giornata di oggi è stata la migliore, fino a d ora, a livello meteorologico. Mi sono svegliata alle 6 grazie alla quantità d’acqua bevuta ieri sera e, dopo aver visto…che fuori non si vedeva niente dalla nebbia che c’era, me ne sono tornata a dormire senza preoccuparmi troppo della giornata in arrivo e del nostro programma trekkiniano a rischio annullamento! A certe ore riesco a male pena a guardare dove mettere i piedi senza sbattere contro muri e porte! Alle 8, invece, il maritopreferito mi ha svegliata dicendo “c’è un sole splendido!” e così ci siamo preparati per il nostro giro nella zona delle 5 Torri. La gita, con partenza dal passo Falzarego e meta il rifugio Nuvolau (2575 mt) non è particolarmente impegnativa dal punto di vista fisico, quanto splendida per il panorama che offre: Tofana di Rozes, Marmolada, Monte Cristallo, Civetta, Punta dell’Uomo, Sassongher, tutto il massiccio del Sella e il Catinaccio, sopra la Val di Fassa. Uno spettacolo! Oggi, poi, ho subito il fascino della Tofana: l’abbiamo ammirata da varie angolazioni, con tutti i tipi di luce e sempre, sempre, era una bellezza della natura e un vetta (3225 mt) da togliere il fiato!

per vedere tutte le foto clicca qui
TRENTINO 2009

martedì 25 agosto 2009

CRONACHE DI VACANZE - 3

10 agosto 2009
Ore 14.50


Dopo una mattina di pioggia a intermittenza e un dopo pranzo di studio delle cartine per la gita di domani, il sole è uscito tra le nuvole. Decidiamo di andare alle cascate del Pisciadù, passeggiata già fatta ma “tanto per sgranchirsi”, non sapendo nemmeno se e per quanto il tempo reggerà. Il maritopreferito deve collaudare gli scarponi nuovi, regalo di compleanno della quipresente, e quale migliore occasione se non una passeggiata di un paio d’ore? Pronti, via! Andiamo!
C'è la solita piccola folla che si dirige verso la radura che precede la leggerissiima salita alle cascate; che poi di cascata ce n'è una sola: perchè allora la chiamano cascate? Boh!
Da là, alzando lo sguardo, si vede benissimo la Torre Exner, dove c'è la famosissima Ferrata Tridentina ed è un continuo guardare con binocolo e zoom della digitale, per scoprire quanta gente c'è e a che punto della scalata si trova...
E' qui inizia a prendere forma in noi la voglia irrefrenabile di tornare lassù, appesi al cavo, con solo la voglia di arrivare in cima e, guardandosi indietro, vedere l'Alta BAdia da tutt'altra prospettiva. Mentre camminiamo ne parliamo e decidiamo che, tempo permettendo, prima del 22 violeremo nuovamente la Exner. Non si può non vlerlo fare, vivendoci davanti per due settimane e camminandoci sotto come stiamo facendo adesso!

per vedere tutte le foto clicca qui
TRENTINO 2009

lunedì 24 agosto 2009

CRONACHE DI VACANZE - 2

8 agosto 2009
Ore 08.20


Partiamo da Baselga di Pinè sotto la pioggia. L’aria è fresca, 17°C ed è un fresco che si gode. L’idea di pernottare da Clara e Giovanni per questa notte è stata molto buona. Oltre a farci risparmiare “un viaggio di quelli” oggi, ci ha permesso di stare insieme e di conoscere Miryam, la loro seconda figlia, nata due mesi fa.

Ore 11.05

Passo Fedaia
Troviamo una Marmolada con più ghiaccio del 2006; il laghetto ai piedi della Regina delle Dolomiti è pieno, come lo avevo visto solo negli anni ’90, al tempo delle vacanze di famiglia in Val di Fassa. Una bella notizia! Discendiamo a Caprile a salutare amici di Imola lì per vacanze e dopo aver pranzato insieme, ripartiamo verso Colfosco. La strada è tutta una curva ma nonostante la pancia piena reggiamo meravigliosamente alle sollecitazioni. In brevissimo tempo arriviamo al passo Campolongo e da lì discendiamo a Colfosco attraverso Corvara. Il Sassongher ha la testa tra le nuvole ma non ci spaventiamo più di tanto. Arriviamo a casa ed è una piacevole sorpresa vedere che la signora Alma, la padrona, si ricorda perfettamente di noi, di mio fratello e della sua famiglia, dei miei genitori nel 2006. Memoria eccezionale, visto che “altra gente” l’avrà certamente vista in questi tre anni, tra vacanzieri estivi ed invernali! Ci domanda di tutti con curiosità e gentilezza: è un vero piacere un benvenuto di questo tipo! Ci porta all’appartamento e con sorpresa vediamo che è quello –dei due da due posti- che speravamo di avere: accanto a quello del 2006, con vista diretta sul Sella e con la mitica Tridentina visibile anche stando in letto! Che spettacolo!
Telefoniamo ad Andrea e Letizia, a Scalea in campeggio col camper e sentiamo descrizioni di temperature bollenti, ombra (agognata) che si sposta troppo in fretta, mentre noi siamo qui a 1635 metri, a 16°C, con calze, maniche lunghe, tute e finestre chiuse. Stanotte ci aspetta una dormitona nel letto “alla teteska”, dove nel lettone ognuno ha il suo piumino: così per due settimane il maritopreferito non potrà dire che durante la notte e i miei numerosi giri avvolta nella coperte, lo scopro!


clicca qui per vedere tutte le foto
TRENTINO 2009

domenica 23 agosto 2009

CRONACHE DI VACANZE - 1

7 agosto 2009
Ore 05.25

partiti alle 4.39. siamo già sulla statale E45. la sveglia delle 3.15 non si è dimostrata molto sconvolgente anche se sento arrivare l’abbiocco. Alle 2.30 moto di folli da fustigare a sangue sembravano facessero le gare in strada, stanotte…non gli ho voluto molto bene, devo ammetterlo! sta sorgendo il sole alla nostra destra, la giornata si annuncia radiosa!

Ore 09.03 verso Comacchio
C’è il sole ed io ho dormito per gran parte del viaggio fino ad ora. Intorpidimento profondo che esclude dai timpani tutto, anche la musica dell’autoradio. La sveglia di questa mattina sta sortendo i suoi effetti ed era prevedibilissimo su di me, che se non dormo almeno 8 ore a notte, sto male!

Ore 12.15 Bassano del Grappa
Finalmente iniziamo a intravedere segni ineluttabili di Trentino: asfalto color ruggine, rilievi ricoperti di vegetazione ma con decise virate al montuoso, colori dolomitici laddove la verticalità dei rilievi impedisce alla vegetazione di crescere…

Ore 14.50 Baselga di Pinè
Stiamo arrivando da Clara e Giovanni e per oggi fermeremo qui i le ruote, tappa amicale e tattica, per trovarci domani avanti con i chilometri e poche ore davanti per raggiungere la nostra meta!


clicca qui per vedere tutte le foto

TRENTINO 2009

martedì 4 agosto 2009

TUTTO INSIEME A -3

lavatrice in palla, più o meno sistemata dal tecnico anche se è meglio chiamare un buon idraulico, c'è qualcosa nello scarico del muro.
risveglio alle 5 e mezza per fitte dolorosissime alla schiena: la finestra aperta mi ha portato frescura, stanotte, ma anche un bel colpo d'aria alla schiena, e ora son qui che se respiro profondo mi blocco.
panni da stirare che, non si sa come, hanno raddoppiato il loro volume nel giro di una notte e che devono essere stirati entro domani.
ughia dell'alluce sinistro mezza rotta da una zampata del maritopreferito, ma stare in infradito sia in casa che fuori non rende l'idea dei danni apportati; devo trovare da qualche parte il coraggio di provare gli scarponi da trekking...
il tutto a 3 giorni dalla partenza.

al ritorno, mi servirà una lavatrice efficente per non far la parte della lavandaia e soprattutto della strizzatrice, per di più visto che i panni non saranno proprio parei e costumi...
mi piacerebbe avere la schiena integra entro venerdì: 600 km d'asfalto non sapendo come stare seduta sul sedile, non si figurano molto allettanti in queste condizioni.
il male alla schiena preclude la forza di stare impalata a stirare, al momento non ne ho eppure è uno sporco lavoro -stavolta per davvero- e qualcuno dovrà pur farlo.
non riuscire a sopportare gli scarponi per un'unghia mezza rotta e, quindi, non poter trekkinare, sarebbe un buonissimo motivo per imbestialirsi...voglio aspettare di vedersi concretizzare questa eventualità, intanto però tentenno all'idea della prova scarpone...

ce la faremo a risolvere tutto da qui a giovedì sera?

sabato 1 agosto 2009

...ED ECCO AGOSTO

inizio del mese di ferie per il maritopreferito (continuazione delle mie iniziate il 30 gennaio). qualche amico e qualche parente è già là, partito oggi per arrivare nei pressi di dove anche noi saremo tra una settimana. da domani inizierà il filo diretto per l'aggiornamento del bollettino meteo. una settimana. mi sembra lontana anni luce adesso che è più vicina che mai e al pensiero che dobbiamo stare in questa città-forno ancora per 7 giorni, sudo. cercheremo refrigerio sulle sabbiose coste laziali, nel frattempo, ma a intermittenza, per cui un po' di caldo lo prenderemo. per adesso ci limitiamo, come è stato fatto nei giorni precedenti, a muoverci il meno possibile in casa durante il giorno, a fare quello che c'è da fare in mattinata e a respirare a diciamo mezzi polmoni la sera, con magari una grattachecca o un gelato in mano. stasera le quotazioni di noi in gelateria, col naso incollato al vetro a scegliere i gusti, sono alte.
intanto, ora mentre scrivo, il maritopreferito ha convocato un briefing per fare il punto sul giorno della partenza: orario di accensione motori, gestione vettovaglie e generi di conforto, assetto auto e pianificazione percorso. come sempre lui alla guida per i primi n chilometri, quando io sarò ancora con la testa sul cuscino ma non in letto, ed io, dopo n chiometri+n, in veste di II pilota e, comunque, responsabile generale della gestione dell'autoradio, con consegna speciale per la scelta dei cd di cui dotare il mezzo...
sembra un'organizzazione da US Army in partenza per l'Iraq...

+26 *** MA LE STELLE QUANTE SONO *** GIULIA CARCASI (o della fine del ventiseiesimo libro nel 2017)

ho letto questo libro in un paio di giorni, forse tre. ho fatto bene a scegliere di leggere prima la versione di Alice e poi quella di Carl...