mercoledì 3 settembre 2008

JET-LAG DA RIENTRO

Sapevo che il rientro dalle ferie non fosse un'esperienza idilliaca, intuivo che non venisse consigliata come cura, mi avevano detto che fosse traumatico, ma non immaginavo che su di me avesse effetti devastanti al punto da avere la testa ingrippata e, tra le altre cose, non trovare parole digitali da scrivere qua sopra.
Stasera, ma solo per qualche secondo, mi si sono aperti i condotti del cervello e sono qui, ma qui arrivo e qui mi fermo. Al "trauma" penserò domani, ma a 30 anni si debella tutto velocemente!!!
Alla prossima...

3 commenti:

Bridget ha detto...

Per me è stato come tornare indietro nel tempo, a quando andavo a scuola.
Solo che all'epoca era più piacevole...
Forza e coraggio!
=o)

Maurizio ha detto...

Io è una vita che sto INGRIPPATO
:-(

Se non esplodo prima, devo assolutamente trovare un buon meccanico!!!

Maria Chiara ha detto...

...hai ragione Bridget, prima era più piacevole...io quasi non vedevo l'ora, perchè come mi sono divertita negli anni della scuola e dell'università, non mi sono mai divertita!

Maurizio - vedo che siamo sempre tuti nella stessa barca! Mi consolo!!!!

MC

+33 *** SE UNA NOTTE D'INVERNO UN VIAGGIATORE *** ITALO CALVINO (o della fine del trentatreesimo libro nel 2017)

la prima definizione che mi viene da dare a Calvino e a questo libro è geniale . non ne trovo altre di più adeguate. solo che c'è un pr...