domenica 16 ottobre 2016

+34 *** PIU' FORTI DELL'ODIO *** FRERE CHRISTIAN DE CHERGE (o della fine del trentaquattresimo libro nel 2016)

è un libro bello, contemplativo ma a tratti difficile.
ci sono scritti di Frére Christian, testi di sue omelie, lettere sue e dei suoi fratelli monaci, con i quali ha condiviso anni di monachesimo fino al rapimento e alla morte.
è un libro che incoraggia il dialogo interreligioso tra cristianesimo e Islam, perché questi monaci l'hanno vissuto, sperimentato nella loro permanenza a Tibhirine.
lo stesso Frére Christian l'ha scritto nel suo famoso testamento spirituale:

(...) In questo “grazie” in cui tutto è detto, ormai della mia vita, includo certamente voi, amici di ieri e di oggi, e voi, amici di qui, insieme a mio padre e a mia madre, alle mie sorelle e ai miei fratelli, e a loro, centuplo regalato come promesso! E anche te, amico dell’ultimo minuto che non avrai saputo quel che facevi. Sì, anche per te voglio questo “grazie”, e questo “a-Dio” nel cui volto ti contemplo. E che ci sia dato di ritrovarci, ladroni beati, in Paradiso, se piace a Dio, Padre nostro, di tutti e due. Amen! Inch’Allah.

il libro si conclude con alcune testimonianze di musulmani, vicini di casa dei monaci, grati della loro vita e dell'aver percorso insieme un tratto di strada su questa Terra.
non è un libro da ombrellone, no, ma mi ha fatto piacere leggerlo per sapere da vicino.

Ieri ho iniziato La notte di Elie Wiesel.
centododici pagine di storia vera tra Auschwitz e Buna, raccontate da un sopravvissuto. ne ho lette novantasette in un pomeriggio, mi sono dovuta fermare per forza maggiore...

Love,
MC

Nessun commento:

+19 *** RACCONTAMI DEI FIORI DI GELSO *** ALINE OHANESIAN (o della fine del diciannovesimo libro nel 2017)

devo ammettere che nel leggere le prime cinquanta pagine ho arrancato un po'; non trovavo il filo del discorso, non mi raccapezzavo con ...