domenica 18 aprile 2010

MUSICA, RICORDI ED EMOZIONI


oggi voglio parlare di musica. l'ho già fatto, parlando soprattutto della mia smisurata passione per Bono Vox & Co, nata nell'estate del 1986 in Valle d'Aosta, in Valle di Cogne, ad opera di mio cugino Aurelio...
non sono solo fan della loro musica, delle loro canzoni, della voce graffiante di Bono. li amo, punto. li ho visti due volte dal vivo, tornerò a vederli l'8 ottobre all'olimpico, portando con me per la prima volta anche il maritopreferito. ho libri che parlano di loro, conservo ritagli di giornali di qualuunque tipo in cui si parli di loro. ho proibito ai miei genitori di togliere il poster di loro poco più che ventenni dal muro della mia ormai ex camera, dove adesso dorme mia nipote quando rimane dai miei, così come per le foto attaccate sul lato dell'armadio che dà verso la porta e che è la prima cosa che si vede entrando, insieme al poster del POP Mart Tour con le date italiane dell'estate 1997...
...ma non ascolto solo loro. ne è una prova l'ipod digitale qui accanto, con musica varia. ogni tanto modifico la lista di canzoni, come ho fatto qualche giorno fa mettendo in pole brani che mi riportano direttamente agli anni delle medie e del liceo. mi riferisco soprattutto a bed of roses di Bon Jovi. era metà degli anni '90, ero una liceale del linguistico Grazia Deledda di Genova, quando Jon Bon Jovi urlava sdolcinate dichiarazioni d'amore a una presumibilmente meravigliosa donna, sognando di adagiarla su un letto di rose dopo aver passato la notte precedente su un letto di spine, in solitudine si suppone...
ricordo pomeriggi passati su mtv a cercare il video, a vedere quanti muscoli avesse Jon nel video in cui indossa solo un gilet pitonato -anche se Bono lo precedette in questa scelta stilistica di qualche anno, per il The Joshua Tree Tour- a trascrivere in cuffia il testo della canzone e riscriverne le frasi più romantiche sul diario di scuola, a immaginare di sentirsi dedicare questa canzone dal ragazzo oggeto dei miei sogni in quel momento -che manco mi ricordo chi fosse, giuro!
mi piace risentire canzoni che mi riportano il bello delle emozioni vissute tanti anni fa, condite solo dei dettagli più piacevoli, migliori, innocenti e sinceri, pieni di batticuori e sogni ad occhi aperti...

Nessun commento:

+33 *** SE UNA NOTTE D'INVERNO UN VIAGGIATORE *** ITALO CALVINO (o della fine del trentatreesimo libro nel 2017)

la prima definizione che mi viene da dare a Calvino e a questo libro è geniale . non ne trovo altre di più adeguate. solo che c'è un pr...