domenica 11 aprile 2010

MISSION ACCOMPLISHED


...e così si compì il D-Day preannunciato circa due settimane fa.
dopo molti tira e molla, dopo ore in ufficio passate con il groppo allo stomaco non sapendo se avrei visto il coach sedersi al mio fianco, dopo svariati ingressi nello stesso ufficio domandandomi se quello sarebbe stato il giorno definitivo, l'affiancamento tanto temuto dalla quipresente s'è compiuto. in due fasi, ma s'è compiuto.
durante questa attesa ho però potuto constatare di persona che tutta l'agitazione che mi portavo dietro dal primo annuncio "domani ti affianco" altro non era che l'idea in sè di vedere il coach avvicinarsi e mettersi in cuffia. un'idea, quindi, un piccolo scoglio psicologico del vedere il verificarsi di un'azione pura e semplice.
completato il primo 50% della faccenda, infatti, i giorni che sono passati da lì a ieri sono stati praticamente immuni, esenti da agitazione o pensieri sul come e quando sarebbe stato il finale. per mia fortuna e grazie a me, lasciatemelo dire. o mi sarei rovinata una serie di giornate di cui invece ho potuto godere.
e così ieri, nella seconda parte di un bel sabato full-time, con ben 4 ore di strao rispetto al dovuto da cui sono uscita devastata, io e il coach abbiamo completato l'opera, insieme. e mi è piaciuto. l'ho vista -è donna, il mio coach- da vicino, umana, normale, comprensiva e buona. il feedback strutturato che mi aveva preannunciato c'è stato in via ufficiosa -e io che mi ero immaginata un file excel con un bel grafico, che gli piacciono tanto!- domani ci sarà quello ufficiale, con tanto di firma a piè di pagina, con lei e personale dell'ufficio HR schierato.

così ieri la quipresente s'è alleggerita di un bel fardello. è andata. ora è a tutti gli effetti assunta con contratto-a-tempo-indeterminato-part-time-a-quattro-ore.
la stanchezza mentale che si è scatenata dopo aveva un non so che di piacevole, era quasi una soddisfazione averla, paraginabile forse, se la memoria non mi inganna, a quella provata dopo la discussione della tesi, 5 anni or sono, in un soleggiato pomeriggio di marzo. per festeggiare, come si fece in quell'11 marzo 2005 quando il marito era ancora fidanzatopreferito, ieri sera hanno comprato una bella torta alla frutta e stappato un brachetto, con tanto di calici di cristallo direttamente dalla lista nozze.
quando ce vò, ce vò!

2 commenti:

Bridget ha detto...

COMPLIMENTI INDETERMINATA!!!! =o)

Emanuele di Alba (CN) ha detto...

E sì ce voleva proprio!!! Bella Maria Chiara. BENVENUTA NEL CLUB!! Grandi felicitazioni. E' come se avessimo brindato anche noi

Augurissimi

Emanuele e Claudia

+33 *** SE UNA NOTTE D'INVERNO UN VIAGGIATORE *** ITALO CALVINO (o della fine del trentatreesimo libro nel 2017)

la prima definizione che mi viene da dare a Calvino e a questo libro è geniale . non ne trovo altre di più adeguate. solo che c'è un pr...