venerdì 22 maggio 2009

STATO VEGETATIVO

la definizione migliore per il mio stato psico-fisico di oggi è certamente bradipale, che nemmeno so se esiste in qualche lingua di quelle di questo mondo. sono un bradipo, insomma. ho lo scatto di una moviola, l'attenzione cerebrale da terapia intensiva, la voglia di fare qualcosa pari a molto meno di 0.
sarà il caldo, sarà l'ora intera passata su mezzi di superficie romani tra le 12.15 e le 13.15, sarà la sensazione da post esame che sto vivendo, fatto sta che chiedetemi tutto e non vi sentirò, non vi farò nulla, non mi inventerò niente da fare o dire. eppure scrivo qua sopra. è vero. ho pensato che potesse essere un modo comunque piacevole per riattivare l'attivtà cerebrale, ridotta al minimo dopo il rientro a casa. essì che questo stato l'ho vissuto tante e tante volte, negli anni passati. ogni volta, dopo un esame all'università, mi assaliva un rilassamento fisico accompagnato, puntualmente, da mal di testa. era ormai fisso, lo aspettavo. dopo un mezz'ora circa che avevo salutato il prof e portato a casa un altro risultato, mi assaliva il martellamento cerebrale. solitamente sul treno per tornare a casa. arrivavo a frascati contenta ma rincoglionita. poche ore e la tortura finiva, la testa era la mia valvola di sfogo. si svuotava delle troppe nozioni immagazzinate!
oggi non ho fatto nessun esame ma qualcosa di simile, per cui eccomi qua. la storia si ripete, per fortuna senza mal di testa.
attendo con ansia il ritorno del maritopreferito da terre modenesi per il giuramento dei pischelletti dell'accademia.
me lo ritroverò domattina nel letto. che bel risveglio...

1 commento:

Dual ha detto...

Grazie per esserti aggiunta tra i lettori di grafic world .

TI FIDI DI ME?

...e questa può sembrare la famosa domanda che Jack rivolge a Rose sulla punta della prua del Titanic, quando volano per mano davanti all...