domenica 28 dicembre 2008

POST-CHRISTMAS (sia come post che come dopo)

Il Natale è passato.
Anche quest'anno la giornata del 25 è volata via senza che quasi me ne rendessi conto, tra tavola da apparecchiare, antipasto da fare, piatti e bicchieri da lavare. Ho visto la luce mattutina e poi, chiudendo le persiane per uscire in centro, la notte.
Giornata serena, in famiglia, senza rischio di infarto intestinale. Meglio mangiare bene e non troppo, per stare insieme meglio, che affogare nei piatti e ritrovarsi, poi, splamati sul divano assonnati e rincoglioniti.
Il falso d'autore del piatto d'antipasto mangiato a Tropea la scorsa estate è riuscito, ho fatto la mia porchissima figura con mamme, suocere e zie, togliendomi uno micro sfizio facendo qualcosa a loro ancora sconosciuto! E mi sono beccata anche i complimenti, devo dire meritati!
Natale sereno, dicevo, con la perdita di senso del tempo (e quindi giorno di settimana e data) e conseguente allontanamento dalla realtà circostante. Non so più cos'è successo nel mondo, quando, perchè e come.
Ho solo letto, in seconda pagina, che Victoria Beckham ha speso, in un paio di giorni a Milano, tra i 70 e i 100.000 Euri. Qualche gonna, un paio di vestiti, un po' di scarpe, qualche cinta, due dopobarba per il marito super trendy...
Si farà inoltre regalare la nuova FIAT 500 modello Abarth 1.4 turbo-jet da 160 cavalli, color grigio metallizzato, sempre dal marito soprastante, come regalo di trasferimento da Los Angeles a Milano.

Due cose penso:

1) meno male che c'è lei, a far girare l'economia italiana. In due giorni ha speso quanto potrei guadagnare più o meno in dieci anni. Se Beckham giocherà nel campionato italiano fino alla morte, avremo una fetta di pil in attivo grazie a sua moglie.
Inoltre, chi da settimane rompe le scatole dicendo che gli italiani devono spendere e spandere, può considerarsi soddisfatto e piantarla. Ne approfitti per tacere.

2) da più di un anno dico al marito preferito che potrebbe anche regalarmi una macchina, scegliendo liberamente tra la nuova 500 e l'Alfa Mito, con motivazione il trasferimento dai Castelli Romani a Roma, ma ancora non l'ha fatto.
Qualcosa mi dice che non ritiene la cosa degna di considerazione...
Sarà che devo forzare la mano sui chilometri?

3 commenti:

Emanuele da Alba (Cuneo) ha detto...

Carissima Maria Chiara...Bellissimo post!! Mi ha fatto crepare dalle risate con la tua vena ironica e beffarda...soprattutto la cosa di Beckham..anche noi abbiamo tarscorso un Natale a casetta!! In mattinata leggera ma insistente nevicata tanto per dare un tocco natalizio alla giornata. Messa di Natale sotto la neve! Suoceri a casa. Mia moglie ha debordato in cucina sfoderando tutto il suo talento enogastronomico per cui è seguita cicagna prima e solenne pennica dopo mentre lo zio prete di mia moglie di soppiatto preparava la predica per Santo Stefano. Qui fa freddo due notti fa -10 a Cuneo -9 fuori la casetta per cui una bella stufetta a legna e un bel fuoco vivo sono una panacea benedetta. Anche noi dovremmo acquistare la macchina...poco prima di Natale è saltata la frizione: 600 euri per la riparazione e il piatto langue...L'alfa Mito piace anche a me.Speriamo di vederci e di conoscerci prestissimo. Tanti cari auguri da noi a te e al tuo marito preferito.

Emanuele e Claudia da Alba (Cuneo)

Maurizio ha detto...

Maria Chiara, questo 2008 che se ne sta andando era iniziato per me all'insegna del "ma dove sto andando"? e si sta concludendo con una "lettera di assegnazione di incarico a tempo indeterminato come Dirigente medico di Direzione Sanitaria" in seguito ad un concorso fatto più di un anno e mezzo fa... Il mio augurio per te è che il meglio ti stia solo "aspettando" là, proprio dietro l'angolo, e che in questo 2009 tu sia ormai arrivata a quell'angolo, e lo svolti con grinta, fiducia, e tanta gratificazione....
Con affetto
Maurizio

berardo ha detto...

Ciao Maria Chiara, grazie degli auguri che contraccambio con affetto!
Il nuovo anno come quello passato, e come tutti gli altri, porterà un misto di tutto quello che si desidera e che non si desidera, porterà situazioni gradite e situazioni sgradite, porterà successi ed insuccessi, porterà cose nuove e cose antiche, tutto però dipenderà da come riusciremo a porci davanti ad ogni cosa, dipenderà dalla nostra capacità di vivere ogni cosa nella considerazione che tutto serve e che nulla avviene per caso e che in ogni avvenimento, come dico nel post, scavando bene possiamo cogliere quel poco o tanto di positivo che sempre c'è!
Come sempre tutto dipende da ciascuno di noi e non tanto dalle cose intorno a noi!

Da soli queste considerazioni le possiamo dire ma non riuscire a viverle sul serio, insieme possiamo aiutarci a farlo davvero!

Allora gli auguri significano che insieme possiamo farcela a vivere in modo che la nostra vita abbia sempre un senso ed una motivazione valida!

Un saluto al tuo marito preferito!

Ciao.
berardo

PS
Non capisco come tuo marito non capisca che è giunto il tempo che ti regali una bella macchina!! Il ragazzo rischia brutto! Non sa ancora bene che voi donne di argomenti convincenti ne avete da vendere!!

+33 *** SE UNA NOTTE D'INVERNO UN VIAGGIATORE *** ITALO CALVINO (o della fine del trentatreesimo libro nel 2017)

la prima definizione che mi viene da dare a Calvino e a questo libro è geniale . non ne trovo altre di più adeguate. solo che c'è un pr...