mercoledì 3 febbraio 2016

+4 *** IL MURO INVISIBILE *** HARRY BERNSTEIN (o della fine del quarto libro nel 2016)

siamo in Inghilterra, alcuni anni prima della Grande Guerra, in una strada dove a destra vivono famiglie ebree e a sinistra famiglie cristiane. e tra loro, sull'asfalto, in mezzo alla strada, c'è un muro. invisibile ma c'è, forse più impenetrabile di quello che sarebbe un vero muro di mattoni.
Harry racconta in prima persona la sua infanzia, fino ai dodici anni, vissuta tra la scuola e la sua strada.
ce ne vorrà perché le cose cambino: l'amore e il coraggio di due ragazzi, un'ebrea e un cristiano, che sfideranno tutto e tutti.

un bel libro, una storia vera, che ne fa un libro ancora più bello.
lo consiglio? sì. perché ci racconta tanto della mentalità (sbagliata) della gente comune di quegli anni. e non solo di quegli anni.
spostiamo la descrizione a Gerusalemme oggi, per esempio, e sembrerebbe una storia scritta nel 2015, ma l'ambientazione non sembrerebbe azzardata nemmeno qui a Roma o altrove.

ora sono passata a Versetti pericolosi - "Neppure io ti condanno" di Alberto Maggi, che un mio amico mi ha prestato perché interessato alla mia opinione a riguardo.
l'ho iniziato ieri mentre viaggiavo sui mezzi pubblici di Roma, e devo dire che mi è spiaciuto dover scendere, a un certo punto.
mi sembra molto interessante.

Love,
MC


2 commenti:

Anonimo ha detto...

L'uomo è un abile costruttore di muri ..... e quelli " invisibili" sono più resistenti di quelli di mattoni e cemento , per abbatterli ci vuole coraggio e forza morale , scegliere di essere COSTRUTTORI DI PACE,

Marie Claire ha detto...

verissimo, caro Anonimo!

+35 *** A VOLTE RITORNANO *** STEPHEN KING (o della fine del trentacinquesimo libro nel 2017)

l'ho già detto e lo ridico, sono ripetitiva e lo so ma non posso che esserlo, quando si parla di King, Stephen. è un maestro della lett...