sabato 29 novembre 2014

+34 *** ORGOGLIO E PREGIUDIZIO *** JANE AUSTEN (o della fine del trentaquattresimo libro nel 2014)

diciamolo pure: la vecchia zia Jane non mi ha deluso per niente!
dopo lo scoglio delle prime venti pagine, su cui anche questa volta ho un po' arrancato, è iniziato il piacere della lettura, distinta tra momenti di pensieri tipo "ma è una soap opera!" a "nooo dai, che romantico!", che sempre piacevole si è comunque dimostrata!

Lizzy...una grande, tanto grande quanto demente la madre che si ritrova!
Darcy...beh, pensando a Colin Firth che lo ha interpretato nel film era tutto molto più facile, ma consideriamo il fatto che io NON ho visto il film, mi sono semplicemente basata sul fatto che lui ha questa popo di faccia


e per me può fare qualsiasi parte in qualsiasi film....resta quello che è e basta! (leggi: un gran pezzo di figo).

adesso, sempre in attesa del carico dalle zie di Genova (indiscrezioni parlano di un carico di 21 libri sulla strada per Roma), mi sono comprata Parole tossiche - Cronache di ordinario sessismo di Graziella Priulla, del quale ne ho sentito parlare a StaiSerena, su Radio 2 tutti i giorni dalle 15, condotto da Serena Dandini.
molto accademico, c'è da dirlo (anche perché l'autrice è sociologa e saggista, insegnante all'Università di Catania nel dipartimento di Scienze Politiche e Sociali) ma interessante.
lo regalerei a parecchia gente: colleghi, capi, manager, direttori, politici, conduttori televisivi, cittadini comuni.
io me lo sono direttamente comprato...

Love,
MC

sabato 15 novembre 2014

+33 *** AMORE *** ISABEL ALLENDE (o della fine del trentatreesimo libro nel 2014)

ieri sera ho finito Amore, raccolta di pagine sull'amore dei libri di Isabel Allende.
il primo amore, la passione, la gelosia, amori contrastati, amore duraturo...
mi è piaciuto molto che l'ultimo brano del capitolo nella maturità, sia uno stralcio della sua vita.
parla del suo amore con il marito Willie, estratto da La somma dei giorni, che avrò letto credo una decina di volte...

grande Isabel, come sempre non si smentisce la sua destrezza con le parole e il suo tenere incollati al libro.

è di gran lunga, da anni, la mia scrittrice preferita!

adesso...adesso è un bel problema, perché praticamente tutti i libri presenti in casa li ho letti e il pieno di inediti deve ancora arrivare da Genova!

giusto Orgoglio e pregiudizio e L'anello di Re Salomone che, sì, non ho ancora mai letto e non so perché, ogni volta anziché prendere in mano uno dei due, sono passata ad altro...
ci devo pensare.
non posso di certo stare con le mani in mano!

Love,
MC

PS delle 14:06
ho iniziato Orgoglio e Pregiudizio della vecchia zia Jane..

domenica 9 novembre 2014

+32 *** MONTAGNE DI UNA VITA *** WALTER BONATTI ( o della fine del trentaduesimo libro nel 2014)

come scrivevo qualche post fa, non mi è nuovo il Bonatti scrittore che racconta le sue imprese alpinistiche.
quello che è raccolto in questo libro è presente anche in altri, ma ho trovato delle variazioni nelle descrizioni e nei suoi commenti personali, soprattutto per quanto riguarda varie polemiche post K2...

Bonatti nel suo elemento
ho letto questo libro con molto piacere e sono contenta di averlo letto, per certi versi riletto.
lo ri-rileggerò.

adesso sono passata a qualcosa di molto più frivolo, ma che riguarda comunque la vita su questa Terra.
ho preso in mano Amore di Isabel Allende e me lo gusterò fino in fondo.
dopo, credo di aver proprio letto tutto di Isabel...

attendo prossimamente il reintegro della libreria mobile delle zie di Genova: una decina di libri letti prenderanno la strada di casa tra qualche settimana, per venir sostituiti da loro simili, inediti al mio cervello. attendo trepidante!

Love,
MC

martedì 4 novembre 2014

ORECCHINI CON PIETRA GREZZA


pietre (e non solo queste) che una amica mi ha regalato "perché non faccio più collane e se vuoi ti regalo quello che mi resta...".
a dir la verità non saprei dire di che pietre si tratta, so solo che quelle sul viola sono grezze, tutte di forme diverse e quindi non si può parlare di coppie di orecchini uguali: ogni paio è diverso dall'altro e ogni pietra della coppia diversa.
molto soddisfatta.

gli orecchini con la pietra a goccia bianca, sono invece quanto di più simmetrico ci sia (ma anche qui, non so di che pietra si tratti).

questa (e un altro paio di orecchini, non riportati in foto) è la produzione di oggi, fatta con calma e senza correre, come mi capita a volte per la mente piena di idee...

Love,
MC

+31 *** NON SMETTERE DI CREDERCI MAI *** NICK VUJICIC (o della fine del trentunesimo libro nel 2014)

sono arrivata in fondo a questo libro un po' scettica.
l'autore è ragazzo americano evangelista, motivatore, nato senza arti (né braccia né gambe), direttore dell'organizzazione Life Without Limbs e che gira il mondo raccontando la sua esperienza per divulgare il messaggio di Cristo.
il succo è: anche se sono nato così, dono la mia vita a Dio e sono comunque felice, molto felice.
posto che sottoscrivo pienamente il messaggio cristiano, il  mio scetticismo deriva dalle parole usate per scrivere, per raccontare questo libro.

usa un linguaggio a tratti ridondante, tanto che in alcuni momenti ho pensato che un libro del genere potrebbe fare facilmente breccia nel cuore e nella mente di persone disperate ma tendenti ad assumere comportamenti per certi versi estremi.
impressione data dalla mia impostazione mentale, culturale e di cristiana cattolica, certamente, ma che ho provato più volte, scorrendo le pagine.
è un libro che, alla fine, mi ha lasciato molto poco. lo confesso.

una persona che fa del bene, Nick, un uomo coraggioso, sicuramente forte e dotato di una fede inossidabile, di certo più potente della mia. un uomo felice, nonostante tutto.
eppure, proprio nonostante tutto questo, ho chiuso il libro cosciente di non aver provato alcuna emozione forte o coinvolgimento particolari...
pertanto non saprei se consigliarlo o meno.
forse direi "leggilo tu, così poi mi dici come ti è sembrato e ne parliamo!".

adesso sono passata a Montagne di una vita di Walter Bonatti.
non mi è nuovo, Bonatti, come scrittore delle sue imprese alpinistiche, anzi.
già da ragazzina (frequentavo le scuole medie) leggevo I giorni grandi e Le mie montagne di mio papà, che alcune volte gli ho visto leggere durante le vacanze estive in Valle d'Aosta o Trentino Alto Adige (forse per gasarsi al massimo nel nostro scarpinare per le Alpi...).

questo Montagne di una vita mi sembra però non tanto il (solo) racconto delle sue imprese alpinistiche (in Italia e nel mondo) ma anche un dire la sua su le varie polemiche che l'hanno investito nel corso della vita, tra le quali la più famosa quella della spedizione italiana sul K2 nel 1954.
mi sta piacendo parecchio e credo proprio che avrà vita breve.

Love,
MC

+20 *** IL PROFUMO DELLE FOGLIE DI TE' ... DINAH JEFFERIES (o della fine del ventesimo libro nel 2017)

questo libro è strano. non ha niente di speciale eppure ieri ho letto fino a poco prima di uscire di casa per arrivare in fondo: volevo sape...