giovedì 24 aprile 2014

+15 *** NON ODIERO' *** IZZELDIN ABUELAISH (o della fine del quindicesimo libro nel 2014)

non ho altro da dire se non "leggetevi questo libro".
è un libro da avere in libreria, da leggere e far leggere a scuola. da far leggere a tutti i capi di Stato del mondo.
capisci, davvero, per la prima, volta quanto insensato e pazzo e inutile e irresponsabile sia stato e sia il conflitto tra israeliani e palestinesi. quanto sciocco.
ancora una volta capisci che la via per la pace è una sola. conoscere l'altro.
capire chi è, cosa fa, come vive, dove vive e perché.

lo sconosciuto ci fa paura, ancora di più quando ci affidiamo preventivamente al giudizio altrui e su quello costruiamo odio e lanciamo bombe.

in Palestina, a Gaza, sono state le bombe lanciate dai caccia e dai carri armati a portare distruzione e morte, ma non bisogna vivere per forza là per avere in mano, e lanciarle, bombe che distruggono.

quante volte mi sono dovuta ricredere di un'idea preconfezionata, trasmessa da altri ma che in qualche modo avevo fatto mia, che ho poi ho cancellato, stravolto, dopo aver visto, conosciuto, compreso, approfondito direttamente?
tante, troppe volte fino ad ora, e chissà quante altre succederà!

Love,
MC

"Il nostro legame più basilare è che abitiamo tutti su questo pianeta. Respiriamo tutti la stessa aria...". (JF Kennedy)

1 commento:

cooksappe ha detto...

bella la citazione

+30 *** LA PICCOLA CASA DEI RICORDI PERDUTI *** HELEN POLLARD (o della fine del trentesimo libro nel 2017)

qualche ora fa avevo detto che sarei arrivata in fondo a questo romanzo da femmine e in effetti è successo e in tempi inaspettati.  nonosta...