lunedì 29 ottobre 2012

DI MANAGER E SCATOLE CRANICHE VUOTE

oggi ho assistito a una meravigliosa performance da parte di un capo.
è passato accanto alle postazioni dove lavoro insieme al mio gruppo, ha chiamato un collega (mio parigrado, quindi due posizioni sotto di lui) e gli ha fatto un platealissimo gesto dell'ombrello, con tanto di schiocco sulla manica della camicia.
non ho sentito la reazione del collega dinanzi a cotanta coglioneria perché ero in linea (ma indagherò), so solo che ho avuto l'ennesima conferma che siamo comandati da un deficiente.
ma cosa ti dice il cervello? sei scemo o lo fai?
la risposta è semplice e duplice: il cervello non ti parla e, se parla, ti dice il contrario di quello che dovrebbe dirti; inoltre sei scemo. sei scemo. non servono testimoni: è evidente che tu lo sia.
noi abbiamo un capo scemo. spiace constatarlo, ma è così.
non è voglia di informalità, confidenza stupida, voglia di goliardia tra le mura dell'ufficio: questa è coglioneria. se tu tratti così i tuoi amici, tua moglie, i tuoi parigrado, buon per te. noi non siamo tuoi amici, tua moglie o tua parigrado, quindi se questa è la tua dimostrazione di informalità, dacci del lei, grazie.
tu ci mandi affanculo senza problemi e facendolo passare per un gioco ma se noi osiamo solo contraddire una tua opinione, ci fai una lettera di richiamo. dacci del lei, scemo, così il confine si ri-definirà meglio e, forse, la tua coglioneria farà fatica a uscire (anche se ci crediamo poco).

Love,
MC

Nessun commento:

+19 *** RACCONTAMI DEI FIORI DI GELSO *** ALINE OHANESIAN (o della fine del diciannovesimo libro nel 2017)

devo ammettere che nel leggere le prime cinquanta pagine ho arrancato un po'; non trovavo il filo del discorso, non mi raccapezzavo con ...