martedì 17 luglio 2012

QUELLI CHE...MALEDUCATI

rimango sempre sconcertata davanti alla maleducazione dei baldi giovani italiani.
per giovani intendo coloro i quali risultano venuti al mondo dal 1990 in poi: poco più che ventenni, quindi, o forse nemmeno ancora abilitabili alla patente di guida in brevissimo tempo.
sono quelli che non sanno cos'è stata Italia '90, che non hanno vissuto le notti magiche e pensano che Balotelli sia un campione perchè ha fatto qualche bel gol di fila, quando noi abbiamo visto in campo, per anni, un campione vero che si chiama Franco Baresi (per citarne uno);
quelli che non sono andati a scuola a calci come noi, "perchè ci vai e basta, peggio per te se non hai studiato" quando ce la facevamo sotto per l'interrogazione, ma forse sono rimasti a casa perchè "poverino, non hai studiato? non ti preoccupare, mamma ti fa la giustificazione!" ;
quelli che se hanno preso una nota, la madre il giorno dopo si presentata a scuola con l'ascia in mano per chiedere spiegazione al professore e fargli capire -al professore- che è in torto, che non sa fare il suo lavoro e non c'ha capito niente di come si educano i ragazzi di oggi;
quelli che buttano la carta per terra perchè mica è roba loro, l'asfalto su cui camminano;
quelli che la parolaccia è compresa nel flusso di parole che escono dalla bocca in automatico, su cui loro non hanno controllo, incuranti di quale sia la parolacia che esce e a chi sia rivolta;
quelli che posano i loro piedini, ovviamente compresi di scarpe, sui sedili dei mezzi pubblici, fregandosene altamente di chi si siederà dopo di loro e pulirà coi suoi vestiti lo sporco lasciato delle loro porche suole;
quelli che danno del "tu" a tutti, non importa se coetaneo o più anziano, soprattutto non importa se conosciuto o meno.

in sostanza, quelli che non si sono mai visti insegnare l'educazione da qualcuno, quindi figli di adulti di gran lunga più maleducati e ignoranti di loro!
giovani giustificabili? no! non c'è giustificazione alla maleducazione!

(a pensarci bene, però, non solo umani datati anni '90 possono vantare l'appartenenza a questa cerchia.
purtroppo per noi ce ne entrano a palate di ogni annata!)

Love,
MC

5 commenti:

francesca ha detto...

Cresceranno!...Purtroppo!
francesca

Maria Chiara Bidone ha detto...

Dici bene...purtroppo!

Lord Crespo di Svezia ha detto...

Prometto che torno a leggere il post...perdona l'OT...ma che bella questa nuova visualizzazione del tuo blog! Dopo mesi e mesi sono tornato a scrivere (m'è piaciuto!) e ho pensato di venire a vedere che cosa si diceva da queste parti: bella sorpresa ;-)

Maria Chiara Bidone ha detto...

Oh My Lord!!!! :-)
OT? what's OT?
....e allora passo a trovarti!

Lord Crespo di Svezia ha detto...

Off Topic ;-)

Delle cose che hai citato nel post, mia cara, quella che mi sconcerta di più è la difesa dei genitori nei confronti dei figli quando si parla di scuola.
E' davvero pazzesco, ovviamente con tutte le eccezioni del caso (di professori mediocri ne abbiamo conosciuti anche noi, no?) ma...appunto, erano eccezioni.
Gli insegnanti facevano parte, insieme ai genitori, del mondo degli adulti. Ora, nella maggior parte dei casi, sono un corpo estraneo che va combattuto e dal quale in generale ci si deve difendere.
Così facendo, secondo me, si mandano messaggi terribili ai figli, quali ad esempio che non sono mai responsabili delle loro azioni (c'è sempre qualcuno a difenderli) e comunque non sono mai tenuti a difendere le loro posizioni (visto che nessuno, in casa, osa dargli torto)...e che le istituzioni non contano nulla e ce ne si può beffare quando si vuole.
...e, non posso farne a meno di farmelo venire in mente...forse a tutto questo è legato il successo che ha avuto (e che forse ancora ha) Berlusconi?
Non vorrei essere paranoico ma...è proprio in certi comportamenti che si materializzano i "principi" di certa cultura che il soggetto sopra indicato ha diffuso e promosso.
Basta così...che mi avvilisco troppo ;-)

+35 *** A VOLTE RITORNANO *** STEPHEN KING (o della fine del trentacinquesimo libro nel 2017)

l'ho già detto e lo ridico, sono ripetitiva e lo so ma non posso che esserlo, quando si parla di King, Stephen. è un maestro della lett...