venerdì 2 dicembre 2011

ATTACCHI DI PANICO? NO, THANKS!



...e oggi sembra andare dicisamente meglio.
ieri, poi, la faccenda si è svolta e risolta meglio di come pensavo. mi sentivo un fascio di nervi, prima di uscire di casa; poi una volta arrivata là ho constatato che il team leader era tranquillo-a-tratti-sorridente (infatti da questa mattina a Roma è cambiato il tempo!), si è lavorato tanto ma almeno normalmente e anche tra colleghi è andata bene. battute, risate. aria distesa, insomma.
certo, i clienti che chiamavano si dimostravano spesso microcefali: non sapevamo spiegarci (e avremmo voluto chiederglielo, così, per sentire la risposta!) come mai, per quale strana congiuntura astro-cosmica avessero tra le mani un iPhone4S 64GB e non fossere in grado di rispondere non sapendo che tasto schiaccare...ma questo è il meno.
erogherò volentieri il servizio clienti "dementi al telefono" se questo è il prezzo da pagare per avere un capo tranquillo.

anche oggi mi aspetta il turno 16-21, anche oggi con lui lì.
vedremo come sarà, ma il mio approccio odierno è quanto di più tranquillo ci possa essere. ci penso e l'idea non mi sfiora neppure.
oggi gli attacchi di panico sono rimasti per strada!

3 commenti:

Lara ha detto...

Ciao Maria Chiara, per capire a fondo questo tuo post ho dovuto leggere i precedenti, visto che sto rientrando un po' alla volta nei blog come il tuo.
Penso che più giorni passeranno e meno ansia sentirai.
Non so, perché in effetti io con l'ansia ci convivo da sempre :)
Ma credo che tu ce la farai benissimo.
Un caro saluto e un abbraccio,
Lara

Maria Chiara ha detto...

Grazie Lara!
Il sentore di oggi propende decisamente per la tua previsione...e spero tanto (=farò di tutto per) che questo stato diventi normalità!
Un abbraccio a te!

giorgio giorgi ha detto...

E' che bisognerebbe non lasciarsi condizionare troppo dall'ansia degli altri...
E prendersi spazi mentali e fisici per sè appena possibile!

+19 *** RACCONTAMI DEI FIORI DI GELSO *** ALINE OHANESIAN (o della fine del diciannovesimo libro nel 2017)

devo ammettere che nel leggere le prime cinquanta pagine ho arrancato un po'; non trovavo il filo del discorso, non mi raccapezzavo con ...