lunedì 28 marzo 2011

LOOK NERVOSO

oggi la quipresente ne ha sentite di belle veramente.
c'è gente che quando deve stare zitta parla, quando deve parlare tace.

così in questo dopopranzo uggioso, in cui il sonno la sta facendo da padrone, ha creato il look che meglio la contraddistinguerebbe adesso. diciamo che se avesse tutto a disposizione, si vestirebbe così per uscire.

dal modello di orecchini è così chiaro che è irritata quanto basta? :-)



9 commenti:

Bridget ha detto...

Ah, mi ricorda la mia adolescenza... ;)

Berardo ha detto...

Niente male! Ti ci vedo benissimo! Bravissima!!

Ciao.

berardo

Berardo ha detto...

Non passi più a trovarmi!! Ciao Giovane guerriera!

Berardo

Cla ha detto...

you must have been veeery angry to be wearing the union jack!
scusa...ma dopo la mia ultima puntata nella terra di yeats, swift &co i miei sentimenti filo-irlandesi sono sempre più forti!

Maria Chiara ha detto...

@ Cla: ahahahahah sei scusata! e cmq yes, I was very very angry on that day! :-)

scricciolo ha detto...

Belle le All Star! Quanti ricordi!!! Però col senno di poi col ciuffolo che le ricompro... quanto hanno sofferto i piedi in quelle scarpe???

Valà, ti premio un pò ;)
http://imperfettaletizia.blogspot.com/2011/04/blog-preferito-ovvero-liebster-blog.html

Lord Crespo di Svezia ha detto...

Grrrr...c'ho un pc che va così lento che, per arrivare a questo post, ci ho impiegato due minuti!!!

E sento una campanella, di tanto in tanto, tipo mucca che pascola...che cos'è?

Comunque, adoro questo looook, nervosissimo!!!

KISS!!!

LC

Maria Chiara ha detto...

Looooooooooooooord!!!!
sarà che il blog stesso pesa?
La campanella tipo mucca che pascola sugli alpeggi altoatesini è un campanello cinese, lo trovi in fondo al blog, alla fine delle foto.... :-)

bello il look, vero? :-)

Maria Chiara ha detto...

@scricciolo: GRAZIE!!!!!
provvederò al più presto a continuare la catena! :-)
grazie ancora!

+19 *** RACCONTAMI DEI FIORI DI GELSO *** ALINE OHANESIAN (o della fine del diciannovesimo libro nel 2017)

devo ammettere che nel leggere le prime cinquanta pagine ho arrancato un po'; non trovavo il filo del discorso, non mi raccapezzavo con ...