sabato 6 marzo 2010

DEFINIZIONE DI FELICITA':



- sapere con circa tre settimane di anticipo che domani, 7 marzo, ci sarà una festicciola familiare per il primo genetliaco del nipotastro di cui il maritopreferito è padrino di battesimo;

- uscire dal lavoro alle 13 di oggi, e dirigersi directly sui Castelli romani per stare con nipoti e genitori qualceh ora in più lasciando, per un giorno e mezzo, il domicilio di famiglia;

- approfittare del sabato sera per vedere amici (bridget&consorte) di vecchia data da troppo tempo trascurati;

- organizzarsi per tempo per il regalo del piccolo e sorella e...A 60 CHILOMETRI DA CASA SCOPRIRE DI ESSERSI DIMENTICATI TUTTO A CASA!

COMPLIMENTI!

2 commenti:

Emanuele di Alba (CN) ha detto...

Carissima Maria Chiara...
scusami per la mia assenza. Sono cose che capitano. felicità è sorprendersi anche che la vita non è monotona e mi sembra che voi abbiate belle relazioni da coltivare...chissà che non capiti anche a noi di ritrovarci un giorno ad incontrarvi e trascorrere qualche ora insieme. Gli affetti familiari sono importanti nella misura in cui quando mancano se ne sente l'assenza.

Un saluto affettuoso!!

Emanuele e Claudia Plasmati

Degenerato_al_Massimo ha detto...

La mia idea di felicità?
Beh, troppo estesa per essere spiegata, ma soprattutto meglio NON farlo, anche se non esistono più i manicomi (purtroppo) non si sa mai...

TI FIDI DI ME?

...e questa può sembrare la famosa domanda che Jack rivolge a Rose sulla punta della prua del Titanic, quando volano per mano davanti all...