giovedì 12 marzo 2009

RITORNO AL PASSATO - con un occhio al futuro


Sono nella mia casa d'origine per un paio di giorni; il marito preferito in trasferta nella Bassa per cerimoniare sottufficiali in addestramento, io e la neo bis-nonna a disposizione di neo-bis-mamma, nipote grande (3 anni e qualche mese sulla schiena sono un'età più che rispettabile, accidenti!) e fagottino appena affacciato su questo mondo.
Stasera siedo qui, dinanzi al signor computer che fu compagno dei primi pensieri scaricati a piene mani su questo diario on line, ma che arrivò in questa stanza ben prima e perchè mi accompagnasse per i meandri della stesura della tesi di laurea -che proprio ieri ha compiuto 4 anni!
Scrivo alla stessa scrivania e con la stessa musica che le casse allegate mi srotolano attorno, così che non posso che sentirmi come fino a un anno e mezzo fa.
E' tutto uguale: i vestiti, la stanza, l'ora, la stanchezza, la tranquillità, la soddisfazione, il cuore. Ho solo un filo d'oro -il filo d'oro- all'anulare sinistro, con dentro il nome e la data più importanti della mia vita! E non mi pare per niente poco...

2 commenti:

Emanuele da Alba (CN) ha detto...

Maria Chiara,

credo che esistano momenti nella viat di una persona dove il nostro vissuto deve essere pienamente unito agli aspetti essenziali fondamenti al nucleo polposo degli affetti più sinceri, all'intimità delle persone più care ma anche fare memoria degli eventi belli che abbiamo vissuto e che ci hanno dato forma e poi...il filo d'oro che ricorda l'amore infaticabile irriducibile il per sempre che ci unisce alla persona amata. Ecco avere uno sguardo vivo su queste qualità primarie. Anche noi nella nostra vita matrimoniale cerchiamo di percorrere la strada che tu e Marco state vivendo anche se in storie lontane (neanche ci conosciamo) ma vicine nei valori che fatichiamo e ci impegnamo a seguire.

Con amicizia!

P.S. Vorrei proprio esserci alla festa organizzata da Dono ma non so se potrò!

Emanuele e Claudia di Alba (CN)

Maria Chiara ha detto...

Grazie Emanuele!

TI FIDI DI ME?

...e questa può sembrare la famosa domanda che Jack rivolge a Rose sulla punta della prua del Titanic, quando volano per mano davanti all...