giovedì 28 giugno 2018

+13 *** MR. MERCEDES *** STEPHEN KING (o della fine del tredicesimo libro nel 2018)

sembrerebbe che io non possa fare molto a meno di King, visto che a un paio di libri letti dopo IT sono tornata dritta dritta tra le braccia del grande Re con l'ultima trilogia pubblicata negli Stati Uniti nel 2014.
e in effetti è così, penso sia definitivo, ufficiale ormai, che più di tanto non si riesca a star lontani dal suo stile una volta che lo si è assaporato, bevuto, goduto.
e dopo i suoi libri letti, dopo il capolavoro di IT non posso non dire di non essere una sua fan, cosa che non avrei mai più pensato - ma questo ormai si sa.

di questo passo finirò per leggermi tutti i suoi libri in attesa di nuove pubblicazioni? è probabile, chissà, intanto sono in ballo con questa trilogia (ho già iniziato il secondo libro) e posso dire che Mr. Mercedes intriga, stuzzica la voglia di andare avanti (che è poi il motore principale di un romanzo...), fa sorridere a volte ma disturba in altrettanti momenti se non di più, con alcuni passaggi veramente fastidiosi, che perché lontani anni luce dal fantastico (quindi reali, possibili) rompono le scatole, urtano, scrollano le spalle della sensibilità umana. non solo: quando entra in scena Mr. Mercedes si sente dentro lo stomaco una corda che inizia a girarsi, a bagnarsi e a diventare rigida per poi annodarsi e restare lì.
la storia si snoda nel 2009 e vede Brady-Mr. Mercedes, folle attentatore e Hodges, ex poliziotto in pensione che si trova a dargli la caccia e per quanto la bontà di quest'ultimo, il suo rifiorire con questa indagine, stemperi un po' l'aria, la follia di Brady aleggia per tutto il libro e porcamiseria il finale ti spiazza perché no, non è possibile che succeda veramente, accidenti a lui!

la storia di amore e passione di Johanne e Hdges mi ha fatto sognare, anche se penso che King in qualche momento abbia esagerato con qualche sberla di troppo sul cuore del lettore ma la storia è quella e il Re l'ha dipinta benissimo come al suo solito, lasciandomi dentro l'urgenza di iniziare Chi perde paga il prima possibile, cosa che ho fatto non appena A. me ne ha dato la possibilità (prestandomi il secondo libro, dopo averlo letto lui) ovvero due giorni fa. sono già immersa nella lettura.

mi avvalgo di decretarne la necessità di leggerlo a trilogia ultimata, ovviamente, ma le premesse ci sono tutte, indistintamente, rigorosamente tutte perché il mio giudizio sia questo e non un altro.
è solo questione di giorni.
vado a leggere.

Love,
MC

Nessun commento:

+14 *** CHI PERDE PAGA *** STEPHEN KING (o della fine del quattordicesimo libro nel 2018)

secondo libro della trilogia, seguito di Mr. Mercedes , questo Chi perde paga  appare quasi come un romanzo non-alla-King  perché non c'...