mercoledì 6 gennaio 2016

+1 *** IL SEGRETO DEGLI ORECCHINI DI SMERALDO *** JANE CORRY (o della fine del primo libro nel 2016)

dopo aver finito il 2015 bene e con 38 libri letti (mio record personale, per ora), ho iniziato il 2016 allo stesso modo, direi, perché questo romanzo di 445 pagine, mi è piaciuto.
comprato sull'e-book letteralmente alla cieca, non conoscendo l'autrice, mi ha piacevolmente sorpreso.

si incrociano due età, i giorni nostri e l'epoca vittoriana, legate tra loro per gli eventi che coinvolgono la protagonista della nostra era.
si toccano vari argomenti come l'amore duraturo e quello che finisce, la malattia, l'adozione, le tradizioni...
un libro che ho letto con piacere, fantasioso.
chissà, magari acquisterò altri romanzi della stessa autrice.

adesso ho preso in mano un classico della letteratura italiana, Una manciata di more di Ignazio Silone, giunto nelle mani delle zie di Genova ben 41 anni fa, nell'agosto del 1975.
io dovevo ancora nascere, mentre le zie erano già tali da un po' più di un anno grazie a mio fratello...
sono ancora all'inizio, ma sto un po' arrancando. non ho ancora bene inquadrato l'epoca e la parte di mondo in cui è ambientata la storia, ma mi è già successo con altri libri di Silone, a questo punto credo faccia parte del suo carattere di scrittore.

è degno di nota il mio ritorno al lavoro di ieri, dopo ben 18 giorni di ferie.
attanagliata dall'ansia già dalla domenica mattina precedente, è andata meglio del previsto; un po' grazie ai clienti che si sono fatti i fatti loro (quindi probabilmente le bombe scoppieranno da domani), un po' grazie ai colleghi, un po' (tanto) grazie al maritopreferito e al mio cervello, che alla fine ha prevalso avendo la meglio.
ora andiamo avanti.
a testa bassa, puntando alla settimana bianca di fine febbraio, se riusciamo a renderla concreta. (e sarebbe il nostro battesimo delle Dolomiti in veste invernale!)

Love,
MC

Nessun commento:

+35 *** A VOLTE RITORNANO *** STEPHEN KING (o della fine del trentacinquesimo libro nel 2017)

l'ho già detto e lo ridico, sono ripetitiva e lo so ma non posso che esserlo, quando si parla di King, Stephen. è un maestro della lett...