mercoledì 30 dicembre 2015

+37 *** CIAO *** WALTER VELTRONI §§§ +38 *** LA MUSICA PROVATA *** ERRI DEL LUCA (o della fine del trentasettesimo e trentottesimo libro nel 2015)

sul fronte libri questo 2015 si sta chiudendo in bellezza: per il momento sono a +38 (e indietro, qui sul blog, di due aggiornamenti, ma questi giorni piene di parenti mi hanno tenuta lontana dal web per un po'), quindi a +3 libri rispetto al 2014.
non male!

Ciao di Veltroni non ha eluso le aspettative che avevo sull'autore, di cui ho già letto altro.
ho finito il libro con gli occhi appannati e per me questo è il segnale migliore e più chiaro di un libro che mi ha lasciato qualcosa dentro e che durante la lettura mi ha travolto.
gli occhi si appannano se c'è un crescendo, non all'improvviso.
Valter che ritrova il padre, morto quando lui aveva un anno e del quale non ha ricordo.
padre e figlio si ritrovano in un momento tutto loro, per salutarsi, guardarsi negli occhi da adulti, dove il padre trentasettenne potrebbe essere il figlio di suo figlio.
da leggere, senza ombra di dubbio.

La musica provata.
qui il discorso è molto diverso.
non sapevo molto cosa aspettarmi, non conoscevo De Luca se non vagamente e solo in merito al TAV, ma questo libretto (per fortuna libretto) è più un saggio che un "libro normale".
ho fatto fatica ad arrivare in fondo nonostante sia breve e...sinceramente? non ho capito lo scopo che l'autore aveva nello scriverlo.
lo farò leggere anche al maritopreferito, magari come musicista me lo spiegherà e allora mi si apriranno gli occhi!

adesso sono passata alla fantasia leggera, con Il segreto degli orecchini di smeraldo di Jane Corry.
non conosco l'autrice, ma visto il prezzo irrisorio come ebook l'ho preso a cuor leggero.
al momento mi sembra un romanzo facile, leggero, di quelli che ogni tanto servono.

Love,
MC


Nessun commento:

+19 *** RACCONTAMI DEI FIORI DI GELSO *** ALINE OHANESIAN (o della fine del diciannovesimo libro nel 2017)

devo ammettere che nel leggere le prime cinquanta pagine ho arrancato un po'; non trovavo il filo del discorso, non mi raccapezzavo con ...