sabato 4 luglio 2015

COSI' PARLO' UN QUARANTACINQUENNE

tutto è avvenuto in un'unica conversazione, venerdì pomeriggio.

dopo il primo, eclatante strafalcione (che qui compare), ho deciso di prendere appunti e mi sentivo come una poliziotta che stendeva un verbale di denuncia.

lui parlava e io scrivevo, traducendogli a mia volta in italiano quello che diceva: volevo essere sicura di aver capito...poteva anche voler intendere altro.

per semplicità riporto la traduzione accanto

mi sono accaricato io di questa cosa (=lo sto facendo io)
non mi sono stato avvisato (=non mi avete avvisato)
ma a me da quanto c'ho il telefono di 30 mesi (=quando mi scade il vincolo?)
un messaggio con dicente che c'è il pagamento (= un messaggio dove mi dite che devo pagare)
io se devo consigliare qualcuno alla 3 (=se devo consigliare la 3 a qualcuno)
abbiamo fatto una cosa a registrare (=abbiamo fatto la registrazione)

un minuto di silenzio per l'italiano.
anche due.

Love,
MC

Nessun commento:

+30 *** LA PICCOLA CASA DEI RICORDI PERDUTI *** HELEN POLLARD (o della fine del trentesimo libro nel 2017)

qualche ora fa avevo detto che sarei arrivata in fondo a questo romanzo da femmine e in effetti è successo e in tempi inaspettati.  nonosta...