giovedì 24 ottobre 2013

VARIE ED EVENTUALI

in questi giorni viaggio in ottovolante.
l'inizio della settimana scorsa è stato all'insegna della pace dei sensi, in rapporto d'amore totale con l'universo terracqueo, come quando arrivi in cima alla vetta di una montagna, dopo una lunga camminata, e sei pienamente soddisfatto di te e tutto va benissimo, sei contenta, serena.
in pace col mondo, appunto. due giorni di anima zen.

poi sabato c'è stato un tracollo dovuto a stupidate che si sono verificate in ufficio e che, proprio per la loro stupidità, mi hanno fatto imbestialire ancora di più.
sentirsi (tutto il gruppo) fare la predica da un collega per cose che lui stesso non fa...voglio dire...taci, no?
è come se uno che parcheggia 4 volte su 5 in doppia fila, ti venisse a dire che la ruota posteriore sinistra dell'auto che hai appena parcheggiato è fuori di un palmo dalle righe del parcheggio.
ma che vuoi?

comunque sia, in due giorni me la sono gestita, ed ora siamo nuovamente nel giardino bucolico della mia vita.

la voglia/necessità di fare mille altre cose rispetto all'appuntamento fisso del lavoro rimane, ho una lista in attesa tra riparazione gioielli, creazioni di nuovi, pane fatto in casa, spesa seria della carne dagli allevatori, pulizia come Dio comanda della casa, pile di cose da stirare e, non ultimo, il malefico cambio degli armadi.

il tutto condito da una pressante pigrizia mattutina con preferenza per lo stare sotto le coperte rispetto all'alzarsi dal letto.

non voglio pensare a come mi sentirò domenica, dopo che l'orologio andrà indietro di un'ora. solitamente l'ora legale/solare mi ammazza, rendendomi coglioncella per qualche giorno, più bradipa del solito e morente di sonno.
per fortuna sarò in ferie fino a martedì compreso.
visto mai che questa volta riesco ad ammortizzare il tutto in maniera decente e a uscirne grosso modo indenne?

Love,
MC

Nessun commento:

+26 *** MA LE STELLE QUANTE SONO *** GIULIA CARCASI (o della fine del ventiseiesimo libro nel 2017)

ho letto questo libro in un paio di giorni, forse tre. ho fatto bene a scegliere di leggere prima la versione di Alice e poi quella di Carl...