mercoledì 6 luglio 2011

MALEDUCAZIONE


ogni tanto la quipresente viene qui e si lamenta.
sarà la fase polemica del mese, sarà che ogni tanto la lagna ci sta, sarà che la pazienza ha un limite (o anche il contrario, come direbbe il maritopreferito: ogni limite ha la sua pazienza!), sarà che col caldo il nervo scatta prima.
sarà quello che sarà, fatto sta che la maleducazione della gente è come quello là: ogni volta che dice una ca****a o si confeziona una legge su misura, pensi che sia l'ultima, che il peggio sia ormai raggiunto e oltre non si possa andare.
invece no, la volta dopo ne sfodera una ancora peggiore, che fa ancora di più gridare allo scandalo. così la maleducazione della gente: non ha mai fine e quando si pensa di averne sentite di ogni tipo...ne arriva un'altra e si piazza al primo posto nella classifica dell'ignoranza.

oggi, oltre la dose quotidiana (variabile, in verità) di clienti presuntuosi o che danno del tu (quel maledetto tu che non si sa perchè ci si sente utorizzati a dare a chi risponde a un servizio clienti, comunque...) la QP se ne è presa una dose anche in un negozio di elettrodomestici, dove alla richiesta di un sacchetto di carta, dopo una sgommata non proprio leggera del bancomat, s'è vista dire "la busta costa 30 centesimi" con un tono come se avesse chiesto l'elemosina o, ancora peggio, avesse preteso la busta gratuitamente.
oddio, ci sarebbe anche stato, averla senza pagare...se a chi compra da una certa cifra in su (visto che vendi cose che entrano in un sacchetto e che posso costare qualche migliaio di €) regalassi un sacchetto DI CARTA, abbonando questi 30 centesimi, non è che faresti proprio una brutta figura, eh?
:-)

1 commento:

Donne al cotto ha detto...

sono d'accordo con te, o meglio con Lei... o posso continuare a darti del tu? :-)
Alcuni supermercati sono davvero pesanti, in fondo con un importo minimo di spesa sarebbe quasi obbligatorio dare un sacchetto di carta o mettere a disposizione degli scatoloni.
Io cerco di ricordarmi le borse multiuso, ma se me dimentico opto per quelle utilizzabili come umido, ma anche queste lasciano molte volte desiderare.

+26 *** MA LE STELLE QUANTE SONO *** GIULIA CARCASI (o della fine del ventiseiesimo libro nel 2017)

ho letto questo libro in un paio di giorni, forse tre. ho fatto bene a scegliere di leggere prima la versione di Alice e poi quella di Carl...