lunedì 6 giugno 2011

LOOK DIGITALE

la quipresente combatte.
non riesce a trovare uno sfondo, un layout che la soddisfi pienamente per questo suo diario digitale.
dopo mesi da un caldo insieme di colori sulle sfumature del rosa, è passata a uno psichedelico azzurro ma, appunto, l'ha già stufata. troppo techno, troppo violento, troppo tutto uguale.
la bella stagione le ispira colori chiari e leggeri, freschi e nun se sa perchè è finita su 'sto layout con sfondo letterario, molto biblico, tipo Martin Luther e le 95 tesi appese alle porte della cattedrale di Wittenberg.
il testo della foto dello sfondo è pure in tedesco...
il fatto è che la QP ha una vagonata di foto meravigliose dell'argomento natura fatte nelle innumerevoli vacanze trentine, negli USA e in giro per l'Italia, ma qui casca l'asino: non sa come impostarle, come personalizzare lo sfondo del suo diario digitale e avere, porco boia, uno stile personale!

chiunque avesse suggerimenti e istruzioni per l'uso.... :o)

4 commenti:

Bridget ha detto...

Nooo, mi sono persa il blu psicadelico!... cmq questo è carino ;)
Eh, se scopri come si fa a personalizzare per bene lo sfondo del blog, fammi un fischio.
Baciii :)

Maria Chiara ha detto...

ahahahah
ma come? io chiedo aiuto e tu lo chiedi a me???
tutt'apposto!!!!! :-)))
ma sì ma sì, appena ho illuminazioni, ti fischio eccome!!!

bera05 ha detto...

Allora, ragazze non è difficile!
Andate sul sito http://photobucket.com/ vi iscrivete, dopodiché caricate le vostro foto; manovrando un po' potete ottenere un codice htlm che andrete ad inserire nel vostro foglio CSS dove adesso mettete gli altri sfondi. Provate e fatemi sapere. Prima di ogni manovra copiatevi il vostro foglio in modo che per ogni evenienza potete reinstallarlo.
Buon lavoro.

Ciao.
berardo

Maria Chiara ha detto...

...ARGH...
ci provo...detto così mi sembra un casino completo...
in caso lancio razzi di s.o.s! :-)

+19 *** RACCONTAMI DEI FIORI DI GELSO *** ALINE OHANESIAN (o della fine del diciannovesimo libro nel 2017)

devo ammettere che nel leggere le prime cinquanta pagine ho arrancato un po'; non trovavo il filo del discorso, non mi raccapezzavo con ...