giovedì 26 maggio 2011

REFERENDUM 2011 - PROPAGANDA SFACCIATA VI

ancora una volta l'onda telematica di facebook mi raggiunge con un link a questo video...
inutile dire che se la quipresente si fosse imbattuta in questi suoi quattro concittadini, gli avrebeb stretto la mano orgogliosa!

martedì 24 maggio 2011

UOMINI E DONNE - ma che davvero?



la quipresente ci ha provato più di una volta.
guardarlo per vedere e capire.
arrivata, facendo zapping pomeridiano, su canale5, anche oggi s'è imbattuta in uomini e donne e nonostante l'intento, comunicato anche al maritopreferito (vedere per capire, appunto), non è riuscita ad andare oltre un certo numero di minuti. ha dovuto per forza cambiare canale dallo schifo.
scioccata. allibita. imbarazzata.

si spera che chi va là a farsi riprendere lo faccia solo e soltanto per soldi, perchè proprio non ne ha e si arrabatta per mangiare almeno un pasto al giorno, perchè la QP capirebbe. fino a un certo punto, ma capirebbe.
invece no. è palese, è evidente come il sole, come il cielo azzurro, che non è così, che non è la fame che porta a fare certe cose e che, per soldi, sarebbe più dignitoso andare lungo la strada e cercare clienti in quel modo.

maschi e femmine non fanno differenza. fanno vergognare tutti.
non è moralismo, è schifo totale. è mancanza di amor proprio, un minimo di orgoglio personale; anche quel minimo sbattuto sotto i tacchi 15 per un po' di fama, per dire esisto perchè sono su canale5 a sbraitare copioni scritti da altri stile fiction.

ma quanto è imbarazzante la conduttrice non lo è nessuno.
sarà per un'insofferenza epidermica che suscita nella QP, insieme al suo signor marito, insopportabile come pochi, ma risulta difficile capacitarsi di come si possa concepire una trasmissione del genere e che questa, visto che sono anni che va in onda, venga vista da un tot minimo di persone per cui la si rinnova e ripropone per anni. o, se così non fosse, che venga foraggiata purchè mandata in onda.
quando poi si pensa che roba tipo vieni via con me, campione d'ascolti, non è stata prorogata perchè scomoda, tutto appare molto chiaro...

MC

venerdì 20 maggio 2011

DI VENERDI' MATTINA E BOCCOLI HAND-MADE

la pentola già sul fuoco, non sapendo ancora cosa buttarci dentro, se riso o pasta, comunque sia oggi carboidrati. il sugo è già fatto e se sarà riso, sarà un po' come tornare all'asilo.
per la quipresente il carboidrato è come l'aria: ne ha bisogno per vivere, sotto forma di pasta, pane, grissini, crackers non importa. ne sente il bisogno quoridianamente e almeno una volta al giorno. e lo soddisfa.



seduta al solito tavolo della sala, tg3 in corso, ha finito da poco di farsi una bella piega ai capelli. boccoli fatti in casa non con il ferro bensì con...il ferro coi buchi? come divolo si chiama? non lo sa, sa solo che è come quello in foto.
c'è da segnalare che la QP venne a conoscenza di questo accessorio a novembre 2010, vedendo quello di sua cognata. regalato a sua mamma a Natale, per un paio di volte l'ha utilizzato sentendosi moooooolto parrucchiera per gli sbalorditivi risultati ottenuti e da lì è partita alla caccia di una copia del suddetto. sparito, introvabile quello che voleva lei con quei pezzi e non altri.
poi due mesi fa, in giro per l'Outlet di Valmontone con il maritopreferito e la nipotastra di 5 anni, l'ha visto, trovato. 35€. prendi e vai.
qualche giorno fa lo stesso è stato avvistato in una profumeria sotto casa, 49€ scontato (sarebbe costato 63). cmunque sia andata, se 35€ era il prezzo pieno e lei l'ha pagato tutto o veramente ha fatto un affare, rispetto ai 49 scontati, c'ha comunque guadagnato. per una volta non l'ha presa lei in tu stupin , come dicono sotto la Lanterna ma ha ceduto il passo alla cliente seguente. con affetto, ovviamente!

MC

giovedì 19 maggio 2011

ANNOTAZIONI




sul divano, in mezzo come sempre.
tv accesa, zapping più o meno nervoso, passando da La signora in giallo già iniziato (ma mentre si fa merenda va anche bene) al giro d'Italia (ma perchè ai velocisti che hanno appena finito la volata, piantano un microfono in bocca per l'intervista? fateli almeno respirare normalmente per cinque minuti, porco cane!) all'attuale, rilassante e stuzzicante paint your life.
prima o poi il maritopreferito troverà le immacolate pareti della sala colorate e stencilate: la QP ha voglia di colorare qualcosa, e cosa di meglio di una bella parete di 4 metri? vedremo.

quella di oggi è stata una giornata normale, niente di extra-ordinario. solo piena di varie cose, lavorative e non.
sei ore di lavoro pregnanti, in cui ha preso 17 chiamate e parlato, mediamente, con circa 5 lobotomizzati, ovvero clienti che non si sa perchè si sono comprati un iPhone4 (sempre lui, maledetto) o un Galaxy o in generale uno smartphone touchscreen (detto anche telefono intelligente con la tastiera digitale, direttamente sullo schermo) che non sanno nemmeno usare.
è di oggi la telefonata "scusi, mi sono comprato un Galassi (Galaxy) ma non riesco a rispondere alle chiamate, che tasto devo schiacciare?".
torna a penna e calamaio, caro!
la QP ovviamente non gli ha detto questo, ma, visto che i suoi "ma quando il display è illuminato non vede i tasti digitali che ci sono?" sono stati stroncati da un "no, non riesco a vederli perchè non riesco a sbloccarlo, a togliere il blocco tasti!" s'è arresa e l'ha sfanculato gentilmente, ovvero "prenda il libretto di istruzioni, è tutto scritto lì! se è in difficoltà, vada al negozio e si faccia aiutare".
l'immediata disattivazione della usim ci sarebbe comunque stata tutta: non è possibile che rimbecilliti di questa portata si comprino telefoni del genere!

ha raccolto la tristezza di un'amica collega, alle perse con un sentimento di abbandono dentro, il secondo nel giro di sei mesi e provocato da due persone diverse. in metro, tornando a casa, con tra le mani due di due di Andrea De Carlo, ha trovato questo passaggio e non ha potuto fare a meno di pensare a lei. domani gliela farà leggere.
"lo so come ti senti. è come essere dietro un vetro, non puoi toccare niente di quello che vedi. ho passato tre quarti della mia vita chiuso fuori, finchè ho capito che l'unico modo è romperlo. e se hai paura di farti male prova a immaginarti di essere già vecchio e quasi morto, pieno di rimpianti"

è tornata a casa trovandola vuota, senza stupirsene comunque, lo sapeva già: il maritopreferito da questa mattina è nuovamente in giro per lavoro e tornerà sabato pomeriggio. questa trasferta, breve, della durata classica, arriva dopo una decina di giorni dalla precedente, durata una settimana intera e che dal giorno del matrimonio non li aveva mai visti stare così lontani l'uno dall'altra.
ma oggi è già giovedì pomeriggio e sabato arriva velocemente.

infine per stasera c'è in programma una cena occhi negli occhi con la tv (cenare da sola in cucina, con la radio accesa, guardando il muro davanti...naaaaaaaa) e con nel lettore dvd o apollo 13 o julia&julie, che tanto domani la sveglia suona giusto per scendere dal materasso e prendersi cura di se stesse, che il lavoro inizia alle 17!

MC

lunedì 16 maggio 2011

REFERENDUM 2011 - PROPAGANDA SFACCIATA V

la notizia che in Sardegna il quorum per il referendum sia pressochè raggiunto con sicurezza, rende questo lunedì di maggio mooooooolto bello!
la quipresente spera che il buon senso che ha portato a votare SI i vicini di casa sardi , si estenda anche al resto degli italiani.
ne approfitta, quindi, per postare l'ennesimo messaggio ricevuto via email.


Dopo l'11 marzo 2011 il mondo è cambiato e nulla sarà più come prima. Siamo entrati nel post nucleare. Una nuova era in cui non ci sarà più spazio per i deliri dell'energia dell'atomo.
Il Giappone si è immolato per noi, certo non volontariamente, ma è ciò che è successo.
Se l'incubo nucleare che ci accompagna dal dopoguerra, da Chernobyl a Three Mile Island, cesserà (e cesserà) lo dovremo al sacrificio di milioni di persone in fuga dalla nube di Fukushima.
Un esodo biblico. Neppure immaginabile. Il Giappone rischia di diventare l'isola che non c'è, un luogo dove non si entra e non si esce. Una trappola nucleare.

Se persino la portaerei Reagan ha abbandonato la sua missione umanitaria, quali flotte accorreranno in soccorso delle popolazioni del l'Est del Giappone? Le merci giapponesi contaminate non potranno più uscire dal Paese.
Le nubi non si fermano. Forse arriveranno fino in Europa se il vento soffierà verso Ovest.
Il senso di quello che è successo è troppo grande, troppo profondo per poterlo afferrare, ma qualcosa si può intuire. Le persone hanno capito immediatamente che il nucleare è finito per sempre. Alcuni capi di Stato hanno già preso posizione contro le centrali, sanno che continuare sarebbe la loro fine politica.

Succede in Germania, in Svizzera, perfino in Australia che possiede il 28% dell'uranio mondiale.

L'Italia, in questo scenario, recita la parte del giapponese sperduto in un'isola del Pacifico che continua a combattere dopo dieci anni dalla fine della guerra. Personaggi che finiranno presto nel dimenticatoio del ridicolo con le loro affermazioni nucleariste.
La Prestigiacomo è l'unico ministro dell'Ambiente nel mondo che vuole nuove centrali nucleari. Lei, Testa, Veronesi, Berlusconi, Cicchitto, Scaroni, Maroni, Casini, Fini, Frattini e i pennivendoli fusi del nocciolino nucleare sono come i fascisti che giravano in divisa da federale dopo il 25 aprile.
Le loro dichiarazioni sono da conservare per il futuro, i loro volti, i video, le argomentazioni sono la testimonianza di un preciso momento, l'ultimo.

Domani, tra qualche giorno o qualche mese, non potranno più permettersi di sparare FANDONIE.

L'unico motivo per cui si vuole il nucleare è il debito pubblico di 500 miliardi di euro in mano alla Francia.

L'EDF è il mandante, Berlusconi e la Confindustria gli esecutori interessati.
Questa classe politica sarà spazzata via dal referendum del 12 e 13 giugno. Da questa settimana partirà un'iniziativa che durerà fino al referendum: "Spegni il nucleare". Voglio coinvolgere milioni di italiani, non ci sono alibi. Con il quorum Maroni ci potrà fare il bunga bunga solitario.

Il 29 aprile vi è stata l'assemblea dell'ENEL delle centrali nucleari.

Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.

La Merkel si è salvata per miracolo. L'elicottero sul quale si trovava è precipitato all'improvviso per il blocco dei rotori ed ha ripreso quota solo a 100 metri da terra. La Germania è l'unica nazione occidentale che si è opposta all'attacco alla Libia e che, dopo Fukushima, ha subito arrestato il programma nucleare. Tu chiamale se vuoi ... coincidenze."L'elicottero della Merkel rischia lo schianto per uno "strano ed improvviso" blocco del motore... l'unico grande Paese europeo che si è opposto agli anglo-americani... la mafia a confronto è una banda di ruba-galline... com'era morto quello che faceva affari coi libici (Mattei, ndr) per liberare l'Italia dal cartello petrolifero??? ah si, uno "strano e improvviso" blocco del motore (esplosione, ndr) del suo biplano..

Tutto quello che dovresti sapere sul nucleare, ma che nessuno (al potere) ti ha mai detto:

1) per avere 1 watt di nucleare , se va bene ci vogliono 13 anni..... per uno di rinnovabili, praticamente il giorno dopo.
2) se si spegne una centrale nucleare 999.999 famiglie rimangono al buio..... se si spegne 1 pannello solare o una pala (generatore eolico), le altre 999.999 producono anche per quella ferma.
3) Quando una centrale si ferma dopo 20 anni devi trovare il posto dove seppellirla con sicurezza per i prossimi 300.000 anni.....Quando dopo 20 anni devi cambiare un pannello solare o una pala, semplicemente li ricicli e li rimetti al posto di prima e dopo 1 ora sono in produzione. (prova a fare lo stesso con il nucleare).
E se questo non è sufficiente, informatevi, informatevi e non fatevi prendere per i FONDELLI dai cosiddetti "esperti".


DIAMOCI DA FARE SE VOGLIAMO UN MONDO MIGLIORE PER I NOSTRI FIGLI !!!!!!!!!!!!

martedì 10 maggio 2011

REFERENDUM 2011 - PROPAGANDA SFACCIATA IV

la quipresente se la sta prendendo proprio a cuore, questa faccenda del referendum boicottato da tutte le reti radiotelevisive, private e non (e quindi c'è la conferma, se avessimo avuto il dubbio, che anche in Rai comanda quello là).
ogni giorno su facebook c'è un link o un appello valido da postare sulla bacheca, ogni giorno arriva una email da qualche amico in cui si denuncia, si protesta, si sottolinea l'importanza dei 4 NO nel voto del 12 e 13 giugno e del fatto, aggiunge la QP, che il mare resta dov'è e ci si potrà andare tranquillamente la domenica seguente, o andare a votare lunedì mattina, prima di andare in ufficio, se proprio non si può stare lontani da sabbia e salsedine per un giorno.

l'ultima email ricevuta è particolarmente interessante; l'amico mittente non ha indicato la fonte, così la QP ha chiesto delucidazioni in merito ma non avendone ancora ricevuto e avendo trovato una email uguale oggi, da una persona diversa, ha deciso che basta, chissenefrega, pubblica tutto qui sopra e al diavolo. fonte o non fonte.
l'importante è parlarne e, come ha lasciato scritto turistadimestiere nel post precedente, a chi sentirà dire, il 14 giugno, di non aver fatto il proprio dovere (questa volta sacrosantissimo) la QP non toglierà il saluto ma una bella sprangata nei denti non è escluso che non la appioppi!
che chi non andrà a votare non si stupisca, poi, per la bolletta salata, per le scorie radioattive tra 40 anni davanti a casa o per delinquenti a piede libero scorrazzare per stanze di governo e anche più su.
amen.




Ciao a tutti,

confermo la necessità di questo passaparola, aggiungendo che si tratta di informazione per ri-affermare i diritti costituzionalmente garantiti . Il dramma è che sembra la maggior parte della popolazione non sia consapevole di quanto sta avvenendo.

Quello che Vi porto è solo un piccolo esempio. Sono una ricercatrice, mi occupo di diritto ambientale e di risorse idriche. Ieri mattina dovevo intervenire ad un programma RADIO RAI (programmato ormai da due settimane) per parlare del referendum sulla privatizzazione dell'acqua e chiarirne meglio le implicazioni giuridiche.

E' arrivata una circolare interna RAI alle 8 di ieri mattina che ha vietato
con effetti immediati a qualunque programma della RAI di toccare l'argomento
fino a giugno
(12-13 giugno quando si terrà il referendum), quindi il
programma è saltato e il mio intervento pure.

Questo è un piccolo esempio delle modalità con cui "il servizio pubblico" viene messo a tacere e di come si boicotti pesantemente la possibilità dei cittadini di essere informati e di intervenire (secondo gli strumenti garantiti dalla Costituzione) nella gestione della res publica. Di fronte a questa ennesima manifestazione di un potere esecutivo assoluto che calpesta non solo quotidianamente le altre istituzioni, ma anche il popolo italiano di cui invece si fregia di esser voce ed espressione, occorre riappropriarci della nostra voce prima di perderla definitivamente.

Il referendum è evidentemente anche questo!

Mariachiara Alberton

*************************************************************************************

RICORDATEVI CHE DOVETE PUBBLICIZZARLO VOI IL REFERENDUM...
perchè il Governo non farà passare gli spot ne' in Rai ne' a Mediaset.
Sapete perché?
Perché nel caso in cui riuscissimo a raggiungere il quorum lo scenario sarebbe drammatico per i governanti ma stupendo per tutti i cittadini italiani:
Vi ricordo che il referendum passa se viene raggiunto il quorum.
E’ necessario che vadano a votare almeno 25 milioni di persone

Il referendum non sarà pubblicizzato in TV.

I cittadini, non sapranno nemmeno che ci sarà un referendum da votare il 12 giugno.

QUINDI : I cittadini, non andranno a votare il referendum.

Vuoi che le cose non vadano a finire cosi?
Copia-incolla e pubblicizza il referendum a parenti, amici, conoscenti e non conoscenti.

Passaparola!

venerdì 6 maggio 2011

REFERENDUM 2011 - PROPAGANDA SFACCIATA III

“…lo so, è tutto sbagliato! noi non dovremmo nemmeno essere qui, ma ci siamo. è come nelle grandi storie, padron Frodo, quelle che contano davvero. erano piene di oscurità e pericoli e a volte non volevi sapere il finale perché come poteva esserci un finale allegro? come poteva il mondo tornare quello che era dopo che erano successe tante cose brutte?
ma alla fine è solo una cosa passeggera, quest’ombra: anche l’oscurità deve passare. arriverà un nuovo giorno e quando il sole splenderà sarà ancora più luminoso.
quelle erano le storie che ti restavano dentro, anche se eri troppo piccolo per capire il perché. ma credo, padron Frodo, di capire ora, adesso so: le persone di quelle storie avevano molte occasioni di tornare indietro e non l’hanno fatto, andavano avanti perché loro erano aggrappati a qualcosa!”
“noi a cosa siamo aggrappati, Sam?”
“c’è del buono in questo mondo, padron Frodo: è giusto combattere per questo!”


(JRR Tolkien - Il Signore degli Anelli)



anche Tolkien l'ha detto: c’è del buono in questo mondo, è giusto combattere per questo e il buono si tira fuori mandando via il cattivo, con una secchiata d'acqua pura, pulita, fresca, nuova.
insieme si può fare, aggrappandosi a quel qualcosa che si ha dentro, che spinge a voler trovare un aggancio positivo in mezzo alla marmaglia.
la quipresente ha riflettuto davanti a queste parole e non ha potuto fare a meno di collegarle al presente italiano, a tutto il negativo che dilaga nelle stanze del potere, dei bottoni, là dove il cervello, l'ordine e la correttezza dovrebbero farla da padrone -e non essere riviste dal padrone.
il pensiero è anche volato al referendum del 12 e 13 giugno.
per quella domenica la QP e il maritopreferito rinunceranno al mare, sperando che in tanti facciano lo stesso.

giovedì 5 maggio 2011

REFERENDUM 2011 - PROPAGANDA SFACCIATA II

il messaggio gira su facebook da oggi...
la quipresente copia-e-incolla e rende noto che, oltre ad andare a votare il 12 giugno, fa e farà tutta la sua parte per diffondere informazioni che tanto danno fastidio a quello là, che corrispondono di solito ad aspetti legali, onesti, trasparenti e democratici del vivere civile).


Le statistiche dicono che tu non sai che il 12 giugno c'è il referendum, però non dicono che eviterai accuratamente di andarci fregandotene, fino a quando non ti accorgerai di pagare 100€ al mese per l'acqua potabile, di avere una centrale nucleare davanti casa, e di avere Berlusconi che si starà sbattendo tua figlia essendo non perseguibile.
Forse è meglio che voti SI a sti 4 c***o di referendum.

lunedì 2 maggio 2011

EUFORIA APPROPRIATA?

qui ogni giorno c'è una notizia.
matrimoni reali venerdì, beatificazioni papali domenica e oggi uccisioni di terroristi ricercati in tutto il mondo, in primis dal Paese più potente del mondo.
Bin Laden è andato, finito, morto. mano americana, pare molto intelligence, l'h afatto fuori.
e va bene. ma esultare come hanno fatto gli americani, scendedo addirittura in piazza, davanti alla Casa Bianca a Washington, boh.
non è una coppa del mondo, non è l'elezione di Obama (per la quale anche la quipresente era stata molto contenta, pur non avendo esultato per le strade), nemmeno la fine di una guerra (anzi).
è sempre una persona, un essere umano, che muore.
andava fatto, occhei. ma dopo si continua a testa bassa, senza clamore nè urla di gioia.

questo è il pensiero di oggi.

QP

domenica 1 maggio 2011

BEATO



la quipresente nacque il 30 agosto 1978, durante il breve pontificato di Giovanni Paolo I e battezzata il 15 ottobre dello stesso anno, ovvero il giorno prima dell'elezione di Giovanni Paolo II.
ecco perchè per lei di Papa ce n'è sempre stato uno e uno solo. lui.
conosciuto vie mediatica, gli si è avvicinata ancora di più alla GMG 2000 a Roma e nel prato di Torvergata, durante la veglia insieme a lui e ad altri due milioni di ragazzi, ha provato qualcosa dentro di molto profondo.
ecco perchè questa mattina, svegliata di buon ora dagli elicotteri svolazzanti sopra San Pietro, l'ha passata davanti alla televisione, emozionandosi non poco.

aggiornamento delle 21.48
alle 14.30 di oggi la QP riceve una telefonata dalle colline romane: i suoi genitori, presi da moto interiore, hanno deciso di scendere nella Caput, destinazione basilica di San Pietro, per andare a salutare il Papa Beato.
il maritopreferito è da ore in viaggio per una mega trasfertona che lo vedrà lontano da casa fino a venerdì pomeriggio, così la QP accetta (in presenza del MP, ci sarebbero andati insieme!) e si trova, dopo 3 ore di coda in mezzo a una folla multietnica, a passare davanti alla cassa di legno chiaro, davanti all'altare maggiore della Basilica, con quattro guardie svizzere in alta uniforme agli angoli.
brividi, emozione, commozione, un qualcosa l'ha toccata in quel passaggio.
dopo, solo desiderio di silenzio, solitudine, raccoglimento.
con il maritopreferito comunque vicino.

+9 *** NESSUNO PUO' FERMARMI *** CATERINA SOFFICI (o della fine del nono libro nel 2017)

bello, bellissimo romanzo, tra realtà e invenzione, condito con i tragici fatti storici della seconda Guerra mondiale e ornato con la verosi...