martedì 21 dicembre 2010

SERATA DI GALA

pensavo a una festa di capodanno di gala.
uno di quelle dove puoi entrare solo presentando l'invito cartaceo, scritto su cartoncino avorio, dove all'ingresso uno stewart in smoking ti depenna dalla lista quando ti vede; dove la passiera rossa inizia dagli scalini, per poi continuare fino all'ingresso; dove è richiesto l'abito lungo alle signore e lo smoking ai signori; dove, a parte la musica in sottofondo, si parla a bassa voce, perchè si è tutti discreti e indesiderosi di farsi notare per qualcosa d'altro che non siano il vestito e i gioielli; dove si beve champagne francese servito da camerieri con i gunati bianchi e la giacca corta.
una festa di capodanno a cui non andrò mai, insomma.
ma questo magnifico programma che è polyvore, è magnifico proprio per questo e se mai dovessi andare a una festa del genere, è così che mi vestirei!

3 commenti:

Lunga ha detto...

Il vestito è meraviglioso. Ma il mio capodanno è rigorosamente in piazza!

enrica ha detto...

Molto elegante.
Chissà... invece magari capiterà... Tu tieniti pronta.
Buone feste, Maria Chiara.

Maria Chiara ha detto...

lunga - mi sa che anche i mio sarà così, o al più a casa di amici, quindi anche in jeans! :-)

francesca - e chi lo sa? :-) auguri a te, Francesca!

+30 *** LA PICCOLA CASA DEI RICORDI PERDUTI *** HELEN POLLARD (o della fine del trentesimo libro nel 2017)

qualche ora fa avevo detto che sarei arrivata in fondo a questo romanzo da femmine e in effetti è successo e in tempi inaspettati.  nonosta...