sabato 5 giugno 2010

...ALLA FACCIA DEL SABATO SERA!


sabato sera in tuta e ciabatte per la quipresente, pigiama e piedi nudi per il maritopreferito, lungo sul divano con la tv accesa su rai1 e l'amichevole Svizzera-Italia in corso, il fatto quotidiano aperto sulla pancia che prende aria e le palpebre pesanti quintali e quintali già chiuse. sono le 20.58. no comment. non commento, ma non nascondo che vorrei essere al suo posto e, anzi, farò di tutto per imitarlo il prima possibile. me la tiro ma anelo al materasso, stasera, alla faccia del sabato sera! aspetto solo che la lavatrice finisca, quindi uscirò in terrazza a stenderla dopo di che...pigiama con gattini!
oggi è stata una giornata campale, condita da 7 ore di lavoro 7, dalle 9 alle 16, e bonus finale extra-lavorativo prima del ritorno a casa, attorno alle 19. occhei, non voglio fare la vittima, giacchè vittima non sono, non ho nemmeno 32 anni e non mi pare di essere nella condizione fisica di potermi lamentare, ma confesso che vorrei avere una settimana per poter dormire le ore che voglio, come e quando voglio, senza la stramaledetta sveglia impostata dalla sera prima per suonare a qualche ora specifica.
per me il riposo è svegliarmi quando le palpebre si fanno inconsistenti e si sollevano da sole e non quando l'unico neurone presente nel cranio viene stuzzicato da qualcuno che sproloquia nella radio. solo che da troppi giorni a questa parte, per un motivo o per l'altro, il risvelgio è indotto e non spontaneo, per questo anelo a una dormita come dico io. non posso nemmeno contare su domani o sul prossimo fine settimana, giacchè saremo -si spera- a Parigi a girare come forsennati. e mica potremo svegliarci a metà mattina, no?

2 commenti:

mimì ha detto...

Io non so la tua, ma la mia sveglia è sempre puntata sulle ore sei!!!Vabbè...il sabato e la domenica no.

Maria Chiara ha detto...

la mia più o meno equivale alla tua, in base ai turni di lavoro e, quando non faccio la mattina, a quello che ho da fare...

+33 *** SE UNA NOTTE D'INVERNO UN VIAGGIATORE *** ITALO CALVINO (o della fine del trentatreesimo libro nel 2017)

la prima definizione che mi viene da dare a Calvino e a questo libro è geniale . non ne trovo altre di più adeguate. solo che c'è un pr...