venerdì 12 febbraio 2010

NEVE SU ROMA

nel 1985, anno in cui risale l'ultima seria nevicata su roma, io non c'ero. o meglio, ero già al mondo ma non in questa parte di mondo; mi trovavo un po' più su, in una città dove la neve non era e non è all'ordine dei giorni invernali ma che ogni tanto si faceva (e si fa) vedere. ero a genova e avevo 7 anni. il maritopreferito invece era qui, dove è sempre stato, e aveva 14 anni.

questa mattina sono uscita alle 7.50, direzione metro a di roma, per recarmi al lavoro.
poco prima di immergermi nei bassi fondi metropolitani, si sono aperte le cataratte invernali del cielo e la neve ha iniziato a scendere.
sulla mia strada persone sotto l'ombrello, lentamente, si stupivano, una più dell'altra. adulti ritornati bambini, italiani e stranieri senza distinzione, si illuminavano in viso vedendo le falde immacolate; bambini diretti a scuola chiudevano l'ombrello per lasciarsi toccare dalla neve; io stessa osservavo e mi accorgevo di sorridere neanche troppo di nascosto davanti a queste esternazioni di stupore felice.
sono andata a lavorare leggiadra. la neve che scendeva mi faceva sentire altrove, non a roma, eppure il pensiero invece di esserci mi inebriava al pensiero che davvero quella neve stesse cadendo proprio a roma.

dall'ufficio, poi, ci siamo goduti la neve finchè è scesa, sentendoci dire "buon natale!" da qualcuno. alle 11, nei minuti di pausa, sono salita sul terrazzo aziendale, all'ottavo piano, per godermi lo spettacolo. l'ho trovato gremito di adulti ritornati anch'essi bambini, intenti a fare e farsi fare foto con la Via Colombo imbiancata e la bufera alle spalle...

12 febbraio 2010 - NEVICATA

Nessun commento:

+33 *** SE UNA NOTTE D'INVERNO UN VIAGGIATORE *** ITALO CALVINO (o della fine del trentatreesimo libro nel 2017)

la prima definizione che mi viene da dare a Calvino e a questo libro è geniale . non ne trovo altre di più adeguate. solo che c'è un pr...