giovedì 25 febbraio 2010

MENO MALE CHE ERA UN PART-TIME!

tornata a casa da un'oretta, mangiato qualcosa ma non troppo, mi trovo seduta al tavolo con gli U2 che girano nel lettore cd. essì che le loro canzoni le conosco praticamente tutte a memoria ma non vorrei farmi prendere da momenti di défaillance nel bel mezzo dell'appuntamento all'Olimpico l'8 ottobre, per cui son qui che mentre scrivo...ripasso.

"..listen to me now, I need to let you know you don't have to go in alone..."


oggi su roma il sole splende, la temperatura è di quelle da togliersi la giacca e metterla sotto braccio o a penzolare a cavallo della borsa, se si cammina, ma l'aria è fresca. il tempo giusto per ammalarsi, quindi, o per un bel mal di gola da sbalzo di temperatura. tocco ferro, giacchè con la voce ci lavoro!
anche oggi ho fatto il mio santo-benedetto dovere dalle 9 alle 13.
ragazzi, pensavo che il part-time fosse una passeggiata, che della serie dopo tutta vita, con ancora 3/4 di giornata davanti sai quante cose puoi ancora fare? certo, ma non per adesso...
sarà il cervello che si fonde già dopo le prime due ore, sarà 'sto tempo, sarà quel che volete, il punto è che dopo queste fatidiche 4 ore torno a casa come se avessi fatto un esame all'università, come se avessi lavorato tre volte tanto. voglio credere che il tutto sia dovuto al fatto che ogni assistenza che presto è una scalata in arrampicata libera senza conoscere la parete, fatto sta che arrivo alla fine massacrata. l'unica possibilità che vedo come allettante nel prossissimo futuro è posarmi sul divano, di traverso, insieme a Bono&Co, il che non è nemmeno poi questo gran peccato!

"...oh, you look so beautiful tonight, in the city of bliding lights..."

U2 - City of bliding lights -

1 commento:

Bridget ha detto...

Eh eh cara mia... goditi il divano!! :)

NEI SOGNI

ci sono canzoni che entrano sotto pelle al primo ascolto, tipo  In Dreams di Roy Orbison ci siamo presentate qualche giorno fa trami...