lunedì 24 agosto 2009

CRONACHE DI VACANZE - 2

8 agosto 2009
Ore 08.20


Partiamo da Baselga di Pinè sotto la pioggia. L’aria è fresca, 17°C ed è un fresco che si gode. L’idea di pernottare da Clara e Giovanni per questa notte è stata molto buona. Oltre a farci risparmiare “un viaggio di quelli” oggi, ci ha permesso di stare insieme e di conoscere Miryam, la loro seconda figlia, nata due mesi fa.

Ore 11.05

Passo Fedaia
Troviamo una Marmolada con più ghiaccio del 2006; il laghetto ai piedi della Regina delle Dolomiti è pieno, come lo avevo visto solo negli anni ’90, al tempo delle vacanze di famiglia in Val di Fassa. Una bella notizia! Discendiamo a Caprile a salutare amici di Imola lì per vacanze e dopo aver pranzato insieme, ripartiamo verso Colfosco. La strada è tutta una curva ma nonostante la pancia piena reggiamo meravigliosamente alle sollecitazioni. In brevissimo tempo arriviamo al passo Campolongo e da lì discendiamo a Colfosco attraverso Corvara. Il Sassongher ha la testa tra le nuvole ma non ci spaventiamo più di tanto. Arriviamo a casa ed è una piacevole sorpresa vedere che la signora Alma, la padrona, si ricorda perfettamente di noi, di mio fratello e della sua famiglia, dei miei genitori nel 2006. Memoria eccezionale, visto che “altra gente” l’avrà certamente vista in questi tre anni, tra vacanzieri estivi ed invernali! Ci domanda di tutti con curiosità e gentilezza: è un vero piacere un benvenuto di questo tipo! Ci porta all’appartamento e con sorpresa vediamo che è quello –dei due da due posti- che speravamo di avere: accanto a quello del 2006, con vista diretta sul Sella e con la mitica Tridentina visibile anche stando in letto! Che spettacolo!
Telefoniamo ad Andrea e Letizia, a Scalea in campeggio col camper e sentiamo descrizioni di temperature bollenti, ombra (agognata) che si sposta troppo in fretta, mentre noi siamo qui a 1635 metri, a 16°C, con calze, maniche lunghe, tute e finestre chiuse. Stanotte ci aspetta una dormitona nel letto “alla teteska”, dove nel lettone ognuno ha il suo piumino: così per due settimane il maritopreferito non potrà dire che durante la notte e i miei numerosi giri avvolta nella coperte, lo scopro!


clicca qui per vedere tutte le foto
TRENTINO 2009

1 commento:

bera05 ha detto...

Che meraviglia! La tua descrizione mi fa venire l'acquolina in bocca!! Vedrò mai quei meravigliosi posti? Chi lo sa? Per adesso mi accontento delle tue descrizioni!



PS
Mi sa che il marito preferito avrebbe gradito il piumino ....unico, nonostante i piccoli inconvenienti!!

+33 *** SE UNA NOTTE D'INVERNO UN VIAGGIATORE *** ITALO CALVINO (o della fine del trentatreesimo libro nel 2017)

la prima definizione che mi viene da dare a Calvino e a questo libro è geniale . non ne trovo altre di più adeguate. solo che c'è un pr...