giovedì 16 luglio 2009

CONFESSIONI



è un po' che non scrivo.
in questi giorni ho pensato tanto, a molte cose, non ultima e tanto per dirne una, al mio significato qui, in questo mondo. non mi sono spinta a punti teorico-filosofici tali da aver trovato una risposta diversa da quella che ho sempre creduto come vera e fondata, ovvero esistere perchè Qualcuno qui mi ci ha voluto e messo.
sono arrivata a comprendere meglio il motivo del mio vivere: non deve avere altri fini se non quello, per altro non sempre facile da attuare, di vivere pensando non solo a me ma anche a chi mi sta vicino, attorno, insieme. azzardo un pensare prima a l'altro che a me intendendo certamente non la dimenticanza totale di me e della mia persona, perchè si deve pur vivere, in salute, degnamente e con serenità, quanto la rilevanza vera che l'altro voglio abbia nella mia vita.
ho sposato il maritopreferito non per qualcosa che mi potesse dare, aiutare ad avere, comprare, assicurare o cosa. l'ho fatto perchè lo amo e voglio stare con lui, a prescindere dal resto. punto. con il resto del mondo che mi vive vicino e che, purtroppo o per fortuna sua, non ho scelto io di avere vicino, mi piacerebbe riuscire ad avere lo stesso atteggiamento. un amore diverso, ovviamente, di un'altro tipo ma di, parolone, pari intensità.
certamente non è facile. mi rendo conto di essere molto spesso in balia di sentimenti contrastanti, violenti, istintivi, anche negativi verso chi, per esempio, parcheggia in dopia fila per non poter/voler fare 30 passi dalla macchina al tabaccaio per le sigarette, oppure verso chi sostiene l'idea che fregare gli altri vada bene, quando è lo Stato ancora meglio; chi non saluta quando mi vede e mi conosce (cavolo, sarò anche magra ma mi hai visto, t'ho salutato....ti sei ingoiato la lingua?) e avanti così....
è difficile, quanto ho appena scritto lo testimonia e chissà quanto altro avrei da scrivere a mio discapito ma, come ho già scritto altre volte, credo che il cavillo sia tutto nel pensare in una maniera un po' ribaltata rispetto a quanto il mondo ci spinge a fare: fare agli altri quello che vorresti fosse fatto a te, non fare agli quello che non vorresti fosse fatto a te.

5 commenti:

enrica ha detto...

Sono d'accordo sulla regola d'oro ed aggungerei che è sempre bene non creare effetti negli altri che non sono in grado di sostenere.
Io mi sforzo di vivere così. Non è facile ma aiuta.
Enrica

Maria Chiara ha detto...

Hai proprio ragione!!!!
:o)

Mio Capitano ha detto...

Carissima, vedo molti buoni propositi in questo tuo post e una foto rappresentante un luogo in cui mi fionderei in due decimi di secondo se potessi. Sulla gente che non saluta, sono d'accordo. Io purtroppo mi offendo se non ricambiano il saluto, quindi non saluto chi non ricambia e col tempo mi faccio la nomea a di quello che non saluta.

Maria Chiara ha detto...

Ciao Capitano!!! per tua info, cosicchè eventualmente ti organizzi e ci vai, la foto che vedi è stata fatta in New Zeland da un mio amico (purtroppo, perchè mi piacerebbe andarci!).
corca il resto, beh, ti capisco, ma mi sa che il nocciolo è il non aspettarsi niente da nessuno, altrimenti...campa cavallo! Non è facile, ma è l'unico modo!
un saluto!

Emanuele di Bra (CN) ha detto...

Carissima Maria Chiara,

il tuo è un bellissimo post. Sono d'accordo sul fatto che viviamo per amare. Anche io cerco di dare il massimo per mia moglie e le persone che ho incontrato e incontro nella mia vita, proprio quelle e non altre. Con passione, dedizione e affetto. Ci sarà un perchè. Pensa che ho saputo che esiste un paese credo in provincia di Padova o comunque nel Veneto che ha istituito la giornata e la festa del ciao. E' una iniziativa del sindaco.

Venendo a noi. Siamo appena tornati da Roma. Pensa che peccato. Dovevamo esserci anche noi alla gita sul monte Tino. Avevo telefonato da un autogrill a Livorno venerdì scorso sera a Domenico per esserci ma domenica c'è stata la festa per il compleanno di mia madre!!! Tutto è saltato. L'altro ieri ho ritelefonato a Domanico per salutarlo.Vi abbiamo pensato!! La prossima volta non possiamo mancare. Non vediamo l'ora di incontrarvi!!Che belle le fotografie!!

Siamo in ferie. Domani per concludere questa settimana facciamo un salto a Siena e Pisa

Un caro saluto a te e tuo marito.

Emanuele e Claudia di Bra (CN)
manuplasmati@tiscali.it

+33 *** SE UNA NOTTE D'INVERNO UN VIAGGIATORE *** ITALO CALVINO (o della fine del trentatreesimo libro nel 2017)

la prima definizione che mi viene da dare a Calvino e a questo libro è geniale . non ne trovo altre di più adeguate. solo che c'è un pr...