mercoledì 27 maggio 2009

MIND OVER

mente azzerata. idee inesistenti. non è la prima volta che finisco nel vortice dell’annebbiamento mentale. ormai conosco anche la sensazione che lo preannuncia: inizia con l’abbandono momentaneo della tastiera per i motivi più vari –mancanza di tempo, di voglia, di chissà cosa- per poi diventare una specie di consapevolezza chiara dentro che sembra dire ma che scrivi, non hai niente da dire, non serve sedersi lì e scrivere, tanto non ti viene in mente niente. alla fine arrivi a un punto che ti convinci di non aver forse effettivamente niente da dire, che a nessuno interesserà, che chissà cosa penserà chi ti legge, che motivo c’è poi, a scriverle su questo diario digitale.
dopo questo spartiacque, però, arrivi al punto in cui sono arrivata io oggi, adesso e, pensa che ti ripensa, ti accorgi che basta, qualcosa da dire ce l’hai e se anche all’inizio tentenni, scrivi e poi cancelli, selezioni tutti i caratteri e schiacci Canc x far prima, dopo le dita scorrono e vanno quasi da sole.
scrivi e pensi che ci sarà sempre qualcosa da dire su tutto, tu avrai sempre un’opinione, un pensiero, un’idea, una sensazione da descrivere e da condividere. che poi è una delle cose più belle che si possa fare con l‘altro, con chi abbiamo davanti. o sta dall’altra parte dello schermo e noi non lo sappiamo.

2 commenti:

caia coconi ha detto...

come la capisco questa sensazione...
eh si, qualcosa da dire ce l'avevi, eccome!

bacio

Maria Chiara ha detto...

sì...alla fine come hai visto...
grazie della visita....

+33 *** SE UNA NOTTE D'INVERNO UN VIAGGIATORE *** ITALO CALVINO (o della fine del trentatreesimo libro nel 2017)

la prima definizione che mi viene da dare a Calvino e a questo libro è geniale . non ne trovo altre di più adeguate. solo che c'è un pr...