domenica 19 aprile 2009

DOMENICA POMERIGGIO-QUASI SERA

resonconto del monte ore compreso tra le 3 di questa notte e l'adesso.

da qualche ora non piove, su Roma, anche se per buona parte della mattina quella è stata la principale attività del cielo sopra di noi. (ci ha visto bene, dunque, domenico a rimandare l'escursione prevista per oggi. attendiamo fiduciosi di sapere la data per recuperare sulla tabella di marcia).
l'idea scaturitami nel cervello in tarda mattinata, ovvero andare al cinema con tanto di biglietti gratis -se uno deve usarli, che li sfrutti quando il biglietto è a prezzo pieno, no?- non si è poi concretizzata a causa del tempo e soprattutto della mia...natica sinistra.
ebbene sì, da ieri pomeriggio e in misura crescente si registra indolenzimento di codesta parte...evabbè che ho fatto giardinaggio a casa dei miei e sono stata per un quarto d'ora accucciata intorno alla striscia di primule nel prato, ma insomma ho anche 30 anni!!!
questa notte intorno alle 3, in qualche momento non sapevo come mettermi e dove metterla -la suddetta- poi in un modo o nell'altro ho dormito, senza nemmeno sentire il tardo rientro del maritopreferito dalla trasferta in terra pontina. a un po' ma nemmeno a molto è valso il supporto del flector appiccicato sulla suddetta appena sveglia, visto che sono nuovamente qui che mi accartoccio su me stessa quando mi alzo o distendo le gambe.
a ragione, sono stata ribattezzata paracarro dal marito preferito, con l'aggiunta di arrugginito, direi io!
quindi, un po' per la natica un po' per il tempo un po' per vattelappesca, son qui che non è che proprio salto di gioia et felicitade.
però una cosa la dico: mi ritengo fortunata per molte cose ma soprattutto per una, che al momento si sta verificando: dispongo di un marito fantastico, che si è impadronito di cucina e fornelli e mi ha imposto di starmene seduta sul divano, cacciandomi via quando poco fa sono spuntata sulla porta della cucina.
non a caso da un po' l'ho nominato ufficialmente il mio maritopreferito!

Nessun commento:

TI FIDI DI ME?

...e questa può sembrare la famosa domanda che Jack rivolge a Rose sulla punta della prua del Titanic, quando volano per mano davanti all...