mercoledì 25 marzo 2009

LE CRONACHE DI CASA - la moglie che osserva il marito

Oggi il maritopreferito -da oggi la sua definizione è una parola sola- è arrivato a casa con qualcosa addosso che lo rendeva un po' giù di tono, ma non si è lasciato intimorire dalle domande indagatrici della moglie diciamo apprensiva qui presente.
Qualche telefonata nel dopo pranzo, un po' di giri attorno allo scanner, qualche cosa sistemata. Roba di minuti il cui totale si aggira al di sotto delle 2 decine.
Fatto tutto, si allunga sul divano, posizione prediletta del suddetto e di molti altri suoi simili. In pochi secondi si addormenta e mentre dorme si gira, parlicchia, confabula non si sa se e cosa. Dopo un po' si sveglia, mangia una fetta di torta-allo-jogurt-alla-banana-con-gocce-di-cioccolato fatta stamattina per poi imboccare la porta della camera, mettersi il pigiama e infilarsi sotto le coperte! Alla faccia!
La moglie diciamo apprensiva qui presente gli abbassa la tapparella acciocchè il pupone possa riposare al meglio...ma certo non pensava che il suo invito a mettersi sul letto per riposarsi meglio -e lasciare il divano a disposizione del prossimo, cioè lei- venisse preso così alla lettera da essere stravolto, modificando la preposizione sul in nel.

Il fatto riportato porta alla seguente conclusione: tutte le volte che qualcosa viene suggerito dalla moglie qui presente al marito là disteso e del suggerimento diciamo buono ("perchè non vai sul letto?") se ne pratica spontaneamente una versione diciamo ottima (ci si infila direttamente nel letto), quali meravigliosi risultati potrebbero avere le azioni fatte in seguito a suggerimenti?

Per esempio, visto che il maritopreferito si è assegnato il turno fisso di lavaggio piatti, da oggi una si sente autorizzata ad aspettarsi che anzichè lavare solo i piatti del pasto, si svuotino tutti i pensili della cucina per lavare tutto il loro contenuto, o ci si sta aspettando troppo???

Nessun commento:

+33 *** SE UNA NOTTE D'INVERNO UN VIAGGIATORE *** ITALO CALVINO (o della fine del trentatreesimo libro nel 2017)

la prima definizione che mi viene da dare a Calvino e a questo libro è geniale . non ne trovo altre di più adeguate. solo che c'è un pr...