mercoledì 21 maggio 2008

ALLE 10 DELLA SERA...


Mi sono rimessa il dvd delle foto del matrimonio, poi del viaggio di nozze...
Il tutto mi sembra lontano miliardi di anni, ere...eppure è successo tutto nemmeno 8 mesi fa. Il 29 saranno 8 mesi.
Rivedo le foto e ricordo il 29 settembre come l'emozione, la prima vera, affacciatasi nella mia vita. Meraviglioso che l'altra persona a vivere con me quell'emozione sia stato Marco e non un altro su questa Terra.
Penso a questo fatto, a lui con me quel giorno, ora e per sempre e provo un senso di infinito dentro, come prendere coscienza dell'unicità che mi e lo caratterizza...e che rende il tutto, questa vita che abbiamo iniziato insieme, altrettanto unico. Non ci sono stati altri noi prima, non ce ne saranno dopo.
Questo mi dà un senso di vertigine, di voragine dentro di me. Mi scopro stupita della capacità di questi pensieri, di queste sensazioni...ma non ne sono io l'artefice, è evidente. Una sensazione che è fuori da me, che non proviene da capacità terrene, concrete...
Non so spiegarla, è così. Punto.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

ciao maria chiara,
in questi giorni d'acqua a catinelle mi sono fortunatamente riparata sotto l'onnipresente (nella borsa) ombrello pieghevole, ma anche io mi sono chiesta cosa si fosse scatenato nei piani alti!!!!
Saluti,
Sara

Anonimo ha detto...

è evidente, ho sbagliato post x il commento...andava sotto "asfalto blu"...vabbè, pazienza!!!
ri-ciao

sara

+33 *** SE UNA NOTTE D'INVERNO UN VIAGGIATORE *** ITALO CALVINO (o della fine del trentatreesimo libro nel 2017)

la prima definizione che mi viene da dare a Calvino e a questo libro è geniale . non ne trovo altre di più adeguate. solo che c'è un pr...