giovedì 17 aprile 2008

PENSIERO POLITICO

Sono qui a casa, con un diavolo di raffreddore che si è scatenato nel giro di una notte, la testa in un subbuglio da jet lag (ma purtroppo non ho fatto nessun volo transoceanico),la stufa accesa altezza gambe, in questa sala con vista San Pietro che sembra immersa in un inverno uggioso.
Giusto due giorni fa si sono spenti i termosifoni...

Questa mattina, constatato che non sarei andata in ufficio, ho riposato la testa sul cuscino e ciao, dalle 6:50, quando Marco è uscito di casa, sono tornata in vita alle 10.
Ora sono qui, con in testa il rumore di fondo dei pensieri che si accavallano; pensieri di vario tipo, natura e grandezza. Alcuni tranquilli, per esempio lo stare qui ora; altri preoccupanti, per esempio l'ennesima scadenza del mio meraviglioso co.co.pro il 30 aprile; altri ancora tremendamente destabilizzanti, che mi fanno inbestialire, che mi fanno venir voglia di litigare, che mi fanno saltare i nervi, per esempio l'esito delle elezioni.

Ne ho già parlato, ma è strano come, pur volendo comunque vivere ugualmente la mia vita moooolto più tranquilla e sicura di più della metà degli abitanti di questo mondo, non riesca a far a meno di pensare che porcamiseria come cavolo si fa a credere che un maledetto del genere possa fare quello che serve in questo momento.

Dice che toglie tutto: ICI, IRAP, bollo moto e auto, tassa sullo straordinario...
Chissà cos'altro verrà a toglierci...i calli dai piedi?
Forse non ha capito che più che toglierci 150 euro all'anno per l'ICI e compagnia, ci deve dare.
Dare contratti di lavoro seri, asili nido statali, sgravi fiscali per le famiglie, un bonus bebè che non sia di 1000 Euro quando si nasce e ciao (cosa ci fai? ti compri il passeggino a 600 Euro e pannolini per tre mesi...e dopo?), dare la caccia agli evasori...

Ma tanto, uno che dice che una precaria per risolvere i suoi problemi di lavoro dovrebbe sposare suo figlio e che quando lo Stato ti chiede il 50-60% di tasse, allora è normale cercare di evadere il fisco...non credo abbia molto presente la realtà che vive la stragrandissima maggioranza di questo popolo tormentato, che lui si diverte a prendere per i fondelli.

Credo ci sarà ben poco da aspettarsi in questo periodo di suo...controllo dei nostri cervelli...
Solo gli auguro dal profondo del cuore di fare una fatica del boia, di avere spesso mal di stomaco dal nervoso che gli farà venire la Lega, di essere soggetto a dissenteria una volta a settimana soprattutto nel weekend e di prendere qualche criccata in più dai fotografi intelligenti che gli passeranno vicino! Il tutto, ovviamente, nel minor tempo possibile!

5 commenti:

Emanuele da Alba Cuneo ha detto...

Carissima Maria Chiara, un saluto da Emanuele che segue sempre il tuo blog. Qui in Piemonte sotto un cielo plumbeo i risultati delle elezioni sono stati palesi. Ti riporto il testo della mail ai miei amici e fratelli romani.

qui in Piemonte dai risultati emerge lo sfondamento della lega ma io non faccio analisi politiche. D'altronde il fascino del berlusconismo è evidente; secondo me la questione è culturale: ormai il senso del bene comune, della comunità non esiste più: invece emergono sempre più in una società molto complessa come quella italiana un pessimismo strisciante che in altri paesi non esiste e un sempre più marcato chi se ne frega a me interesso io e basta cioè localismo esasperato e credo che su questa strada l'italia sarà destinata a ritornare forse giustamente alle sue radici storiche cioè all'età dei comuni (intorno al 1200 se non erro). Indipendentemente dallo schieramento credo che la vittoria della Lega dica questo: non è un voto di protesta ormai è una cosa connaturata. Scrivendo a Giovanni Bachelet una lettera ho scritto che chi fa politica deve essere esemplare nei comportamenti. Vivere per una legislatura forse due poi uscire: qui in Italia si è legati alla casacca della madre come alla propria fede calcistica. Per non parlare delle poltrone. A destra come a sinistra. Ah!! Vorrei ricordare la questione legata al referendum e alla legge elettorale. Che che se ne dica questa legge elettorale che tutti giudicano ora positiva in precedenza ha combinato disastri. Forse un incantesimo magico si è verificato?

Per me occorrono due schieramenti e basta all'americana..perchè con le coalizioni (ed anche questi schieramenti lo sono sotto sotto...) emergono gli interessi di parte:

Ecco il problema: gli interessi di parte non l'interesse comune..Gli interessi personali non il bene comune...gli imprenditori parlano di loro gli operai parlano di loro ma non c'è colloquio non esiste una comunità di intenti;

Bisogna pescare nei valori etici ma l'etica non è un valore negoziabile. Si insegna da bambini.A buon intenditore poche parole anzi ai posteri l'ardua sentenza

Emanuele

So che con tuo marito andrete in mariapoli vacanze come hai scritto a Domenico. Mi piacerebbe tanto conoscervi. Noi abbiamo avuto un invito da una coppia di nostri amici alla mariapoli regionale ad Agliè a Torino. Forse andremo.
In attesa di incontrarci ti auguro di guarire dal raffreddore...

Maria Chiara ha detto...

Carissimo Emanuele, mi fa piacere sentirti e sapere che mi segui con costanza!
Quantodici nella tua mail che mi hai copiato, è decisamente vero. Soprattutto il fatto che tante cose ole hai dentro perchè te le hanno insegnate i tuoi...o c'è molto poco da fare!
Ma cambiare si può...qualche anno fa mi pare che da qualche parte è crollato un muro...per cui...

Speriamo tanto di andare a Folgarida...lavoro di Marco e mio permettendo. Se ci saremo, te lo dirò pochi giorni prima, così magari ci cerchiamo...
Mi sa che sai come siamo fatti, no? :-)
A risentirci presto, vado che è tornato Marco!

giulia ha detto...

Ciao Maria Chiara! Vado Ot, ho dato un'occhiata alle foto del tuo viaggio di nozze: davvero sei stata in elicottero sul Grand Canyon (domanda retorica, ho visto le foto)? Mamma che invidia! Il vorrei fare un coast to coast!

Maria Chiara ha detto...

ciao Giulia...
da vivere, il volo sul grand canyon e sul lago powell...
Il coast to coast ci manca...ci piacerebbe farlo, magari in macchina...!
:-)

berardo ha detto...

Cara Maria Chiara, io sarei meno pessimista, anche perchè non tutto il cosidetto negativo viene per nuocere (c'è qualcuna che c'è l'ha insegnato molto bene).
Non ti angustiare più di tanto anche perchè la sinistra ha fatto del tutto per perdere le elzioni ed a questo punto poco possiamo fare.
La sinistra, putroppo, non è ancora in grado di governare, ti espongo alcuni clamorosi errori che hanno fatto , tali che poi hanno perso le elezioni.
-Veltroni ha fatto un errore storico: imbarcare i radicali!Questo fatto ha fatto deviare tutta una bella fetta dell'area cattolica verso altri partiti, non solo UDC! Non aver capito che il PD poteva diventare un partito nel quale i cattolici potevano riconocersi senza troppa fatica, visto che già all'interno ne militano diversi, è stato un errore grossolano, a mio modesto parere! Ti dico questo non certamente come osservatore politico ma come conoscitore dell'ambiente in parola e degli umori relativ (e lo sai pure tu).
-Altro errore clamoroso è stato l'atteggiamento della sinistra nel governo Prodi:liti e ricatti tutti i giorni, al punto tale che hanno prestato il fianco a critiche di tutti i generi; l'atto irresponsabile di Mastella non è stato altro che l'estremo atto di una pietosa agonia!
Pezzi di sinistra che troppo tardi hanno capito che le lievissime differenze che li distingueva potevano benissimo essere superate per creare veramente un soggetto politico, solido e duraturo nel tempo! Non sono stati credibili, e la gente non li ha votati un po' per ripicca, un po' per rabbia!
Questa legge elettorale è proprio assurda!
E' anche vero che forse, per la prima volta da quando si parla di maggioritario, ha prodotto l'effetto voluto: pochissimi partiti e ancor meno gruppi parlamentari! E' questo che si voleva? A me un parlamento così non piace perchè rappresenta solo pochi, e tutti gli altri?
Questo sarebbe un discorso lungo!
Io spero che realmente ed efficacemente l'opposizione vigili sul serio su quanto farà il governo e suoni il campanello di allarme non tanto per "partito preso" ma quando realmente ce ne sarà la necessità per il vero bene del paese!
Sono anche tranquillo che le cose da farsi (se vogliono farle) sono quelle sole possibili per tutti gli schieramenti perchè la crisi in atto non lascia margini a chi lo sa quali fantasie!
Per concludere dico che ion non ho votato ma, visto che sono milioni i voti che sono mancati per la vittoria, mi pare che vada analizzato per bene il fenomeno di tale sconfitta, e mi pare anche che debba essere anche analizzato il grande numero di persone che non hanno votato senza liquidarlo con faciloneria come ha fatto Veltroni in una intervista che ho ascoltato. Il caro Veltroni, con molta più umiltà, nei fatti oltre che con le parole, deve accostarsi a fare questo tipo di analisi ed a programmare, se vorrà avere un futuro di governo!

Pensa a guarire velocemente!

Un carissimo saluto.

Ciao

berardo

+33 *** SE UNA NOTTE D'INVERNO UN VIAGGIATORE *** ITALO CALVINO (o della fine del trentatreesimo libro nel 2017)

la prima definizione che mi viene da dare a Calvino e a questo libro è geniale . non ne trovo altre di più adeguate. solo che c'è un pr...