giovedì 27 marzo 2008

GIOVEDI' SERA

Com'è che inizio a scrivere e poi vado di tasti e cancello tutto?
Nebbia fitta nel cervello. Mi sento come quando avevo davanti il titotlo di un tema, a scuola, e non sapevo da quale cavolo di parte cominciare...
La pioggia scrosciante e continua di questi ultimi giorni ha certamente fatto arrugginire la ruota nella gabbia del criceto a cui ho subaffittato la mia scatola cranica: è evidente che quando lui corre non gira niente, sennò non sarei qui a schiacciare i tasti alla cieca.
Vado a dormire, và. Sarà certamente più produttivo.

Nessun commento:

+33 *** SE UNA NOTTE D'INVERNO UN VIAGGIATORE *** ITALO CALVINO (o della fine del trentatreesimo libro nel 2017)

la prima definizione che mi viene da dare a Calvino e a questo libro è geniale . non ne trovo altre di più adeguate. solo che c'è un pr...