sabato 12 gennaio 2008

UNDER THE RAIN

C'è chi canta Under the bridge, io mi limito a postare under the rain.
Ma a me piace. L'acqua che scende. Esiste e avrà un suo buon motivo per esserci, un fine, una missione, un senso.
Ben poche cose sono insensate, di quelle al mondo. Le zanzare, per esempio. Quelle sì che sono una spina nel fianco...o altrove, ovunque la zanzara bastarda di turno ti abbia punto.
Ma per tanta gente la pioggia è una rottura al punto da far iniziare la giornata storta. E se a questa gente dà così sui nervi, in un certo senso rompe anche te, perchè ti fa incotrarre gente incazzata per l'acqua che ha preso; fa imbestialire i centauri che o si inzuppano o devono andare a piedi o, peggio, in macchina; crea il panico totale in città come Roma, che non si sa perchè ha abitanti che quando piove vanno in tilt, e non diciamo che è perchè vanno tutti in macchina per non bagnarsi i piedini: non sanno guidare e basta. Cioè, guidano da cani normalmente, figuriamoci quando hanno da star dietro a tergicristalli e lunotto termico.

E invece a me la pioggia piace. Con tutto il popò di roba che si porta dietro. Sono sempre stata quella a cui piace quando piove, sempre, anche al liceo. Lo so, è così. E non posso farci niente.
Mi bagna? Mi asciugerò. C'è caos, va beh, ma prima o poi a casa ci tornerò. Son tutti delle iene perchè piove? Fortunati loro, se posso permettersi il lusso di imebstialirsi per un po' d'acqua, vuol dire che non hanno altri problemi...
E' acqua ragazzi, non mine. Gocce d'acqua, non proiettili o lava di un vulcano.
E poi vuoi mettere. Lei, la pioggia, vien giù e chi s'è visto s'è visto. Non è che sta lì a guardare se piovere su questi o su quelli. Scende. Che tu lo voglia o no, che tu sia bravo o no. Non fa distinzioni. Tu puoi solo cercare di ripararti con l'ombrello o camminando rasente al muro tipo i gatti, ma tanto le viene giù. Basta.
Pensandoci, la si dovrebbe prendere un po' più da esempio per molte cose nostre umane, la pioggia. Chissà che non ci si chiarirebbero tante idee...

6 commenti:

Tiziana ha detto...

no rain, no rainbow!!! ;o)

Maria Chiara ha detto...

parole sante...

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Anonimo ha detto...

anche a me piace la pioggia , non mugugno mai, forse hai preso da me...

Anonimo ha detto...

io adoro la nebbia invece, nasconde quello che non vuoi vedere , attutisce i rumori, ti fa sentire quasi in un'atmosfera di ...."sospensione"...nella nebbia "
tutto" potrebbe accadere...dalla nebbia....qualcuno potrebbe spuntare...
Atmosfera di misteri Maricle

Maria Chiara ha detto...

Maricle...è vero...ma purtroppo io della nebbia percepisco solo l'umidità, che mi entra nelle ossa e fatica ad andar via!

+33 *** SE UNA NOTTE D'INVERNO UN VIAGGIATORE *** ITALO CALVINO (o della fine del trentatreesimo libro nel 2017)

la prima definizione che mi viene da dare a Calvino e a questo libro è geniale . non ne trovo altre di più adeguate. solo che c'è un pr...