sabato 27 ottobre 2007

GOLDEN PARADE - West Coast - 7/19 ottobre 2007

Ho pensato di fare il punto di questi 12 giorni americani.
Nello scompartimento dei ricordi vacanzieri del mio cervello, reparto extraeuropeo, ci sono tante immagini, tanti flash, tanti volti e tante voci.
Momenti di coppia e momenti di gruppo. Divertimento e stanchezza, panorami dall’alto e da terra…
Faccio il punto, e per farlo parto dall’inizio.


07/10/2007
Siamo all’aeroporto di Roma Fiumicino in attesa dell'imbarco, seduti in una fila di sedie vista pista.
Decolli in successione di ogni compagnia aerea per chissà quali destinazioni.
Qui nel mondo dell'intercontinentale e del duty free si respira sempre un'aria diversa dalle altre sale d'attesa...


Tutti sembrano essere più calmi, più contenuti, più pacati. Noi, invece, non ci sentiamo assolutamente inibiti. Parliamo, ridiamo, commentiamo lo standard dei negozi da questa parte del muro, la gente che passa…
C'è emozione tra noi: non ci sembra ancora per niente di essere quasi in volo per il viaggio di nozze. Il nostro questa volta.

Non ci rendiamo ancora conto di essere marito e moglie, in realtà.
Guardandoci le mani, vediamo due anelli uguali, due cerchi d'oro giallo che segnano il nostro stato, lo rendono esplicito al mondo. Mi piace questo segno.
Marco si sfila l'anello, legge dentro e dice:"sei tu Maria Chiara? Buono a sapersi!". Ridiamo come due bambini, alzando il tono delle nostre risate per sdrammatizzare il silenzio ovattato e quasi austero del terminal C di Fiumicino.

La settimana a casa, dopo il wedding e fino ad oggi, ci ha fatto perdere la sensazione del tempo, dilatato i giorni e le ore. Ci sentiamo sposati da più di 8 giorni, e invece...
Contemporaneamente non realizziamo di esser diventati una famiglia…ancora una volta la percezione del tempo ci trae in inganno!
Siamo veri e propri honeymooners. Così dice il vaucher (?) del tour grazie al quale domani potremo salire su uno specifico pullman per il tour di 13 giorni!

In breve (mica tanto...aspetteremo quesi tre ore) ci imbarchiamo e prendiamo posto in quello che diventerà il nostro angolo d'aereo per 9 ore e 30.
Abbiamo 7735 kilometri fino a Cincinnati, da dove prenderemo il volo per Los Angeles.
L'aereo è pieno (praticamente solo di americani) ma silenzioso e tranquillo.

Siamo già a 6800 metri, a -28°C e a vedere le nuvole dal finestrino ora sembra di essere in un quadro 3D. Non mi era mai capitato di trovarne così tante e di così tante forme.
Dopo un po' le nuvole passano, e sotto di noi, solo il mare, increspato.

Saliti ancora di quota, a 10058 mt, l'oceano sembra immobile e le nuvole appaiono piccole e attaccate all'acqua.
Per adesso abbiamo "ballato" poco, nonostante il passaggio sull'Atlantico.
Siamo a poco più della metà del percorso e non sembriamo ancora accusare la stanchezza.
Dormo durante il secondo film trasmesso.. dormo e bene!
Sono l'invidia di mia mamma, in questi casi, lei che se non è coricata, al silenzio e nella penombra (almeno), non chiude occhio!

Dopo un’estenuante attesa a Cincinnati e un altrettanto lungo e noioso volo tra qui e LA, atterriamo in California.
Davanti a noi un simpatico americano ci dice in un altrettanto simpatico italiano storpiato che ci aspetterà in quel preciso punto per accompagnarci alla navetta e arrivare così in albergo.
Sbrighiamo velocemente, per fortuna, il recupero bagagli e in pochi minuti siamo in albergo.

Per nostra "sventura", stanotte alloggeremo al Los Angeles Airport Hilton
Contribuiremo al fondo pensione in età da lavoro di Paris… ma chissenefrega!


Questo abbiamo trovato e questo dobbiamo tenerci!
Dice che chi si accontenta gode. Verifichiamo se tale assioma è attendibile!

E’ tutto bello, tutto da film.
Siamo in America.


Iniziamo con una cena leggera, a base di fast food (avremo poi tempo per migliorare la qualità e per disintossicarci una volta in Italia!).

Siamo stanchi, ma riusciamo lo stesso a immetterci rapidamente nel fuso della west coast, per cui andiamo a dormire relativamente tardi, per gli USA, ma tardissimo per noi,di primo mattino.

Domani partiremo per la prima tappa del tour, da Los Angeles a Phoenix, viaggiando per circa 600 kilometri attraverso il deserto!
Vogliamo vedere dai finestrino del pullman e non dormire!

4 commenti:

Cla ha detto...

Bello!!!
Aspetto le prossime puntate!
un abbraccio a tutta la family

bera ha detto...

Ciao Maria Chiara, è bellissima questa tua idea di condividere con noi i momenti vissuti in america. Avremo la possibilità,attraverso i tuoi occhi, di vedere questa fetta di mondo di cui tanto si sente parlare ma che pochi riescono a vedere.
Allora alla prssima puntata.

Ciao.

berardo

Domenico ha detto...

Bel viaggetto, sono sicuro che le foto che (vedrò?) e altri racconti lo renderà ancora più interessante.
Ben tornati in Italia
Domenico

Maria Chiara ha detto...

Ciao a tutti ragazzi...
I tempi per pubblicare i post successivi saranno un po' lunghi, vista la non disponibilità costante di internet a portata di mano, ma cercherò di fare del mio meglio!
Intanto grazie per i complimenti e a risentirci presto!!!!

+33 *** SE UNA NOTTE D'INVERNO UN VIAGGIATORE *** ITALO CALVINO (o della fine del trentatreesimo libro nel 2017)

la prima definizione che mi viene da dare a Calvino e a questo libro è geniale . non ne trovo altre di più adeguate. solo che c'è un pr...