lunedì 14 agosto 2006

X GIORNO


ore 22.20
Stasera, dopo l’ennesima giornata uggiosa che ha determinato il niente di fatto a livello alpinistico, ci troviamo attorno al tavolo e con davanti una fetta di strudel, programmiamo per domani la via ferrata Santner. Sembra il tempo abbia intenzione di venirci incontro. Vedremo.

A breve inizierò la pre-preparazione dello zaino, tanto per non dimenticare qualcosa domani, travolta dall’emozione (non diciamolo troppo forte) di riuscire ad attaccarci al cavo perla prima volta, dopo un anno e 11 giorni!
Era giusto un ano e 11 giorni fa quando, con Marco, abbiamo attaccato e portato a termine la ferrata Tridentina…
L’anima, il corpo, i piedi, le mani, sono desiderosi di roccia vista da vicino; vogliamo tutti sentire il rumore del moschettone che scorre lungo il cavo, tra i due chiodi, col suo trillo leggero.
Intanto Marco mette la crema solare nello zaino; “Ottimista”, gli dico, ma spero anche io di averne davvero bisogno, domani!

In 11 giorni, abbiamo visto sole solo per due mezze giornate; sarebbe il caso che questo tempo si decidesse a cambiare registro e piantarla lì, con questi capricci! No? Ieri sera mio fratello Andrea diceva "la prossima volta cambio stagione, vengo qui in estate!!!"
Verificheremo domani.
Intanto il risveglio è fissato per le 06.30, con partenza per le 07.15.
Buona notte, quindi…

Nessun commento:

+33 *** SE UNA NOTTE D'INVERNO UN VIAGGIATORE *** ITALO CALVINO (o della fine del trentatreesimo libro nel 2017)

la prima definizione che mi viene da dare a Calvino e a questo libro è geniale . non ne trovo altre di più adeguate. solo che c'è un pr...