domenica 6 agosto 2006

II GIORNO


Ore 17.00
il tempo non è buono, ma usciremo ugualmente a fare un giro: a stare a casa con le Dolomiti fuori, non ci siamo capaci!
Qualche ora fa ho dato una controllatina alla Tridentina, di fronte a casa, con il binocolo (mia cognata, per prendermi in giro, mi dice che presidio da lontano, tipo guardia forestale!) e c’erano sei escursionisti che si sono attaccati al cavo e hanno iniziato la salita. Ci piacerebbe ripetere quella scalata! Vedremo!
La zia ci telefona dal lago Fedaia, sotto la Marmolada; anche lei si lamenta per il tempo, decisamente poco incoraggiante per adesso.
Non piove (ancora), ma l’aria è resa fredda dalla mancanza di sole. Intanto alla tele ci accorgiamo che finiti i canali italiani, si prendono quelli tedeschi! C'è RaiTre-Bozen...
Domani, se il tempo sarà buono, o almeno senza pioggia, prima gitarella per sgranchire le gambine, dal passo Sella al Col Rodella, tra prati e pascoli; cosa facile, è vero, ma appunto per sgranchirci e prepararci a migliori obiettivi, sempre tempo premettendo, servono cose di questo tipo!
Da casa vedo il rifugio Pisciadù illuminato.
È là che l’anno scorso, con Marco, abbiamo pernottato dopo aver fatto la (ormai famosa!) Tridentina.

Nessun commento:

+33 *** SE UNA NOTTE D'INVERNO UN VIAGGIATORE *** ITALO CALVINO (o della fine del trentatreesimo libro nel 2017)

la prima definizione che mi viene da dare a Calvino e a questo libro è geniale . non ne trovo altre di più adeguate. solo che c'è un pr...